Non è vandalismo non essendoci danni all’opera ma è sicuramente un atto dimostrativo che deturpa la bellezza della statua stessa.

Il “Socrate morente” che fa bella mostra di sé al Parco Ciani di Lugano, è stato vestito con una mantellina rosa (ha una scritta sbiadita che potrebbe indicare “14 giugno si femmina”), un drappo rosso è stato posto davanti alla scultura ed è comparso un cartello, appiccicato con del nastro adesivo, con il seguente testo “14 giugno 2019 sciopero femminista manca solo un mese… Preparati!!!”

Voi cosa ne pensate? Rientra tutto nella libertà d’espressione?

foto facebook