SPONSOR UFFICIALE ANNO 2020 E ANNO 2021

L’iniziativa Energia e clima esemplari è stata lanciata nel 2013 con il nome «La Confederazione: energia esemplare». L’obiettivo degli allora sette attori era quello di ridurre il consumo di energia del Governo federale e delle imprese parastatali e di aumentare la loro efficienza energetica. Gli attuali dieci attori ora danno uno sguardo retrospettivo a una prima fase riuscita. Rispetto all’anno di base 2006, hanno aumentato la loro efficienza energetica raggiungendo il 31,1 per cento (obiettivo: 25%), mentre la quota di energie rinnovabili dall’iniziale 35,5 per cento ha raggiunto il 60,2 per cento. È quanto emerge dal rapporto sulla prima fase 2013–2020 pubblicato oggi. Attualmente è in corso fino al 2030 la seconda fase dell’iniziativa, che comprende cinque nuovi attori.

La prima fase dell’iniziativa Energia e clima esemplari ha fornito alla Confederazione e alle imprese parastatali (la Posta Svizzera, il Settore dei PF, Genève Aéroport, le FFS, SIG, Skyguide, la Suva, Swisscom, il DDPS e l’Amministrazione federale civile) un quadro di riferimento per ridurre il loro consumo energetico e aumentare l’efficienza energetica. L’obiettivo comune di aumentare l’efficienza energetica del 25 per cento è stato raggiunto già nel 2015. Nel 2020, anno finale della prima fase, l’aumento si attestava al 31,1 per cento. Dall’anno di base 2006, i dieci attori hanno aumentato la quota di energie rinnovabili dal 35,5 per cento al 60,2 per cento. Questo progresso nel settore del clima e dell’energia è stato possibile grazie a 39 misure congiunte e 117 misure specifiche, tra cui la rete anergetica premiata con il Watt d’Or del Politecnico di Zurigo e il centro di calcolo raffreddato ad acqua piovana di Swisscom, il cui calore residuo riscalda un intero quartiere.

Effetti del COVID-19

Nel 2020, la pandemia di COVID-19 ha portato la vita pubblica in parte quasi a un punto morto. Questo ha anche influenzato i parametri dell’iniziativa. Ad esempio, l’energia consumata nel traffico d’affari è diminuita di circa la metà (2019: 233 GWh/a, 2020: 110 GWh/a), mentre l’efficienza energetica degli attori è diminuita dell’1,2 per cento rispetto all’anno precedente.

Progresso congiunto

La prima fase dell’iniziativa, caratterizzata da obiettivi e misure chiare, controlling e scambio congiunto, ha fornito un quadro di sostegno per fare passi avanti nel settore del clima e dell’energia e ha assicurato la visibilità e l’accettazione delle misure. L’attuazione è stata supportata da strumenti appositamente sviluppati come gli LCC-Tool (disponibili solo in francese e tedesco). Questi strumenti semplificano il calcolo dei costi del ciclo di vita nell’acquisto di veicoli, attrezzature TIC e impianti di riscaldamento.

Seconda fase dal 2021 al 2030

Usando questo primo successo come rampa di lancio ha ora inizio la seconda fase, che terminerà nel 2030. Il suo sistema di obiettivi consiste in cinque variabili: efficienza energetica, quota di energie rinnovabili, produzione di elettricità ecologica, quindici misure congiunte delle aree di gestione, approvvigionamento ed esercizio, nonché misure specifiche per le singole parti coinvolte. Per la seconda fase dell’iniziativa si sono aggiunti altri attori: AutoPostale e PostFinance sono ora attori indipendenti accanto alla Posta. La Flughafen Zürich AG, la RUAG MRO Holding SA e la SSR si sono uniti come nuovi attori all’inizio del 2021.

Informazione per i media

Ulteriori esempi dei dieci attori sono consultabili nel rapporto 2013-2020 all’indirizzo www.energia-clima-esemplari.ch. Su richiesta, mettiamo a disposizione materiale fotografico ad alta risoluzione e i nominativi delle parti coinvolte per eventuali interviste.