FrenchGermanItalian

La Confederazione stanzia 39 milioni di franchi per i Programmi d’agglomerato in Ticino

- Google NEWS -

Settimana scorsa il Consiglio federale ha licenziato il Messaggio mediante il quale chiede al Parlamento di liberare i crediti per sostenere l’attuazione dei Programmi d’agglomerato da parte di Cantoni e Comuni. Il programma d’agglomerato (PA) è uno strumento tramite il quale vengono definite le misure di intervento legate al paesaggio, agli insediamenti e ai trasporti volte ad uno sviluppo armonioso del territorio e della mobilità. Esso contiene progetti suddivisi in priorità realizzative e viene aggiornato a scadenza quadriennale.

Tramite il Fondo per le strade nazionali e il traffico d’agglomerato (FOSTRA) la Confederazione sostiene con contributi compresi tra il 30% e il 50% misure infrastrutturali che rispettano una serie di criteri di base e garantiscono la dovuta efficacia del programma presentato.

A fine 2016 il Consiglio di Stato e le Commissioni regionali dei trasporti hanno presentato all’esame della Confederazione quattro PA di terza generazione. Tre di essi riceveranno importanti contributi1 :

PA del Bellinzonese (PAB3): 9.91 mio fr, tasso di contribuzione 40%

PA del Locarnese (PALoc3): 17.68 mio fr, tasso di contribuzione 40%

PA del Mendrisiotto (PAM3): 11.67 mio fr, tasso di contribuzione 35%

Complessivamente si tratta di misure del costo di 102.10 mio fr. La Confederazione partecipa con 39.26 mio fr, il restante è a carico del Cantone e dei Comuni interessati. Le misure riguardano principalmente i seguenti ambiti: rete della mobilità ciclopedonale, riqualificazioni stradali multimodali, fermate e nodi di interscambio dei trasporti pubblici.

L’attuazione di questi interventi è prevista a partire dal 2019. A tal scopo Dipartimento e Comuni hanno già avviato, in collaborazione con le Commissioni dei trasporti, la progettazione degli stessi.

Il PA del Luganese (PAL3) in questa generazione non riceverà contributi. La Confederazione, pur valutando come sufficiente l’efficacia del programma, non ha ritenuto di assegnare contributi poiché giudica non adeguatamente avanzate le misure delle generazioni precedenti (PAL1 e PAL2). Il PAL beneficia di contributi per quasi 60 mio fr dalle prime due generazioni, destinati a due progetti principali – la tratta Manno-Bioggio della rete tram-treno2 e il riassetto completo della Stazione di Lugano – nonché ad interventi di riqualificazione stradale e di mobilità ciclopedonale.

Vista l’importanza delle due prime generazioni, il PAL3 ha presentato misure più modeste con contributi attesi per al massimo 3-4 mio fr. La decisione di non stanziare finanziamenti per il PAL3 da parte della Confederazione non incide sulla necessità e la volontà del Dipartimento di procedere nei tempi previsti con gli interventi principali sulla mobilità di questa regione.

Il Dipartimento esprime grande soddisfazione per la valutazione complessivamente positiva da parte della Confederazione in merito alla politica di insediamenti e mobilità promossa dal Cantone e sostenuta dalle Commissioni regionali dei trasporti e per l’importante finanziamento federale per l’attuazione delle misure.

- Pubblicità -

Le imprese ti attendono

Vale Body Fit – Dove il tuo corpo è la nostra priorità

Prendersi cura del proprio corpo non significa solo fare attività fisica ma elaborare un...

Il sesso è un problema? Con Eva Skyora tutto torna ad essere una gioia

Qualche volta il sesso, anziché essere un piacere e un collante nella coppia, rischia...

Angolo Benessere – L’istituto di bellezza per prendersi cura del corpo e rilassare la mente

Lo stare bene è un valore, forse il più prezioso, raggiungere un perfetto equilibrio...