FrenchGermanItalian

La Svizzera presenta il suo piano d’azione inteso a rafforzare l’efficacia dell’OSCE in vista del 2025

- Google NEWS -

Il presidente della Confederazione Ignazio Cassis ha effettuato la sua prima visita ufficiale recandosi in Austria dal suo omologo Alexander Van der Bellen. A Vienna, presso la sede dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE), ha inoltre incontrato l’attuale presidente dell’Organizzazione, il ministro degli esteri polacco Zbigniew Rau, e la Segretaria generale dell’OSCE Helga Schmid. In tale occasione ha potuto presentare il piano d’azione 2022-2025 della Svizzera per l’OSCE.

Nel 2022 la Polonia riprende la presidenza dell’OSCE. Nei suoi incontri con il ministro degli esteri Zbigniew Rau e la Segretaria generale dell’OSCE Helga Schmid, il presidente della Confederazione ha affrontato la questione della sicurezza in Europa, che si è notevolmente deteriorata nelle ultime settimane. In tale occasione, ha altresì avuto modo di presentare gli obiettivi e le priorità della Svizzera per i prossimi anni. Il piano d’azione della Svizzera definisce anche le misure da adottare in vista del 50° anniversario dell’Atto finale di Helsinki, nel 2025, mediante il quale i capi di Stato e di governo avevano posto le basi dell’OSCE e della cooperazione nel settore della sicurezza.

Un’OSCE più forte e maggiormente operativa

Il DFAE considera il 50° anniversario dell’Atto finale di Helsinki, nel 2025, come un’opportunità per stilare un bilancio e guardare al futuro con un’agenda positiva. Il piano d’azione OSCE 2022-2025 della Svizzera è inteso a individuare misure che contribuiscano a rafforzare l’organizzazione e a consolidare nuovamente la sicurezza in Europa. Il piano d’azione non ha la pretesa di presentare la politica della Svizzera in seno all’OSCE in maniera esaustiva. È tuttavia incentrato sui settori in cui la Svizzera è in grado di apportare un valore aggiunto entro il 2025.

In concreto, la Svizzera intende adoperarsi per preservare e dare nuova linfa alle conquiste dell’OSCE. Ciò include la partecipazione allo sviluppo di un processo di dialogo in vista di Helsinki 2025, il rafforzamento del controllo degli armamenti e quindi della fiducia tra gli Stati partecipanti, come pure l’aumento delle capacità di risoluzione dei conflitti. In questo contesto, sarà inoltre dedicata un’attenzione particolare alla digitalizzazione e allo sviluppo della diplomazia scientifica.

L’OSCE, una priorità per la Svizzera

Per la Svizzera, l’OSCE ha sempre rappresentato un pilastro fondamentale della sicurezza europea. L’organizzazione costituisce sia un importante strumento di prevenzione e risoluzione dei conflitti, sia una piattaforma di dialogo. Negli ultimi anni si è verificata una graduale erosione del margine di manovra dell’OSCE, dovuta in parte a una crisi di fiducia tra gli Stati. Troppo spesso tale mancanza di fiducia ostacola la ricerca di una soluzione comune. Nell’ambito dell’OSCE, la Svizzera ha sempre contribuito alla ricerca di compromessi e al superamento delle situazioni di stallo: un fatto risultato particolarmente evidente durante gli anni di presidenza della Svizzera nel 1996 e nel 2014.

La presentazione del piano d’azione 2022-2025 a Vienna avviene nella stessa settimana in cui si svolgono i colloqui Stati Uniti-Russia a Ginevra (10 gennaio), il dialogo Russia-NATO a Bruxelles (12 gennaio) e lo scambio odierno nell’ambito dell’OSCE. «La Svizzera è preoccupata per la profonda crisi della sicurezza europea», ha dichiarato il presidente della Confederazione Ignazio Cassis. «Accolgo con favore il dialogo che è stato avviato su questo argomento a diversi livelli. Per la Svizzera è importante che l’OSCE ne abbia discusso anche oggi in questa sede, in cui tutte le parti sono riunite attorno a un tavolo su un piano di parità. Il piano d’azione della Svizzera intende contribuire a ristabilire la fiducia in seno all’OSCE e a trovare soluzioni comuni.»

Obiettivo annuale del Consiglio federale nel 2021

Per garantire la coerenza delle misure, il DFAE ha potuto contare sul contributo del Dipartimento della difesa, della protezione della popolazione e dello sport (DDPS), del Dipartimento federale dell’economia, della formazione e della ricerca (DEFR) e di altri servizi competenti dell’Amministrazione federale.

La presentazione del documento da parte del DFAE rientrava tra gli obiettivi annuali del Consiglio federale per il 2021. Il piano d’azione è inteso a concretizzare la politica della Svizzera concernente l’OSCE conformemente alla strategia di politica estera 2020-2023 (SPE 20­23) e rientra nello schema a cascata della strategia di politica estera della Svizzera.

- Pubblicità -

Le imprese ti attendono

Pollice Trasporti e Servizio Cantiere Sagl – Molto più che un’azienda…

La società Pollice Trasporti e Servizio Cantiere Sagl è stata costituita nell’anno 2010. In...

Arriva identitysuisse.ch il gestore di posta certificata per la Svizzera

Pec: Il messaggio di posta elettronica avente lo stesso valore di una raccomandata con...