FrenchGermanItalian

Più sicuri in bici con rispetto e attenzione reciproca

- Google NEWS -

Adottando un comportamento rispettoso, tutti noi possiamo contribuire significativamente ad accrescere la sicurezza stradale. Mediante un opuscolo rivolto a ciclisti e automobilisti, l’Ufficio federale delle strade USTRA e le associazioni di settore intendono sensibilizzare sia chi si muove in bici, tradizionale o elettrica, sia gli altri utenti stradali sulla condotta da tenere.

La popolarità di e-bike e biciclette è in costante ascesa. Di pari passo, però, aumentano da un lato gli incidenti gravi e mortali che coinvolgono ciclisti e dall’altro le conflittualità tra le diverse categorie di utenti. Prudenza, rispetto e comprensione da parte di tutti nonché una corretta dotazione tecnica possono contribuire a invertire questa tendenza. Nozioni, queste, che pur essendo ben note è necessario ricordare.

Consigli pratici

Per tale motivo l’Ufficio federale delle strade lancia, in collaborazione con diverse organizzazioni, il «Ciclogalateo», che va ad arricchire l’ampio ventaglio di attività volte a promuovere una ciclomobilità sicura e piacevole. Ispirato al Galateo, la guida al saper vivere nella società, l’opuscoletto offre consigli ai ciclisti e agli altri utenti con una serie di regole comportamentali da seguire su strada, illustrando situazioni concrete.

Ecco qualche esempio:

  • qual è il giusto equipaggiamento di bici e conducente per muoversi in tutta sicurezza?
  • Come ci si comporta negli spazi condivisi da pedoni e ciclisti?
  • Come si evitano disattenzione e distrazioni?
  • A quali regole devono attenersi automobilisti e ciclisti nelle rotatorie?
  • Come si sorpassano le bici, senza correre rischi?
  • Cosa occorre sapere per padroneggiare un’e-bike?
  • A cosa si deve prestare attenzione quando si trasportano bambini oppure oggetti in bici o nell’apposito carrello?
  • Quali regole disciplinano la convivenza di mountain-bike e camminatori?
  • Quali norme si applicano ai monopattini elettrici?

Visibilità e sicurezza, un tandem vincente

Perché lanciare il Ciclogalateo in inverno? Da tempo la bicicletta non è più un’attività relegata alla bella stagione. Soprattutto nel periodo invernale, per la propria incolumità è importante essere ben visibili in sella alle due ruote: la nuova pubblicazione fornisce preziosi consigli al riguardo.

Il Ciclogalateo è ordinabile presso le organizzazioni partner o scaricabile all’indirizzo www.astra.admin.ch/ciclogalateo.

Il Ciclogalateo ricalca la «Guida autostradale», l’opuscolo pubblicato nel 2019 che ricorda le regole per una corretta guida in autostrada, ristampato in diverse edizioni e di cui finora sono state distribuite in totale circa 250 000 copie attraverso i vari soggetti che collaborano all’iniziativa.

Organizzazioni partner

Il Ciclogalateo è promosso dai seguenti enti sostenitori:

2ruote Svizzera, Comunità di lavoro dei Capi di Polizia della Circolazione della Svizzera e del Principato del Liechtenstein (ACVS), Automobile Club Svizzero (ACS), Ufficio prevenzione infortuni upi, Mobilità pedonale Svizzera, Pro Velo Svizzera, Assicurazione svizzera contro gli infortuni Suva, SvizzeraMobile, Touring Club Svizzero (TCS), Velosuisse e Associazione Traffico e Ambiente (ATA).

E-bike: obbligo di luci accese dal 1° aprile 2022

Dal 1° aprile 2022 tutte le biciclette elettriche con pedalata assistita fino a 25 km/h (le cosiddette «e-bike lente») e fino a 45 km/h («e-bike veloci») dovranno essere munite di dispositivi di illuminazione accesi anche di giorno: una luce anteriore bianca fissa (come le luci diurne di auto, camion, motoveicoli ecc.) in condizioni di buona visibilità, affinché gli utenti che procedono in senso opposto siano in grado di riconoscere il mezzo molto più facilmente. Al crepuscolo, di notte o in caso di scarsa visibilità occorrerà anche una luce fissa posteriore rossa.

I requisiti di equipaggiamento rimangono invariati, la novità riguarda esclusivamente l’obbligo di circolare con luci accese anche di giorno. I dispositivi di illuminazione devono essere fissati alla bicicletta; sulle e-bike lente sono consentite anche versioni con chiusura a incastro, mentre sui modelli veloci devono essere montati in maniera stabile fanali da ciclomotore omologati (per es. marchi K, ABG, dicitura UNECE).

L’obbligo di luci accese vige su tutte le aree di circolazione pubbliche, pertanto anche sui sentieri forestali e i tracciati da mountain-bike.

- Pubblicità -

Le imprese ti attendono

Auto Giorgio SA, la certezza di trovare l’occasione adatta alle proprie esigenze!

Auto Giorgio è un garage storico e plurimarca di riferimento sulla zona di Biasca....

Manno restauri – La vocazione che diventa lavoro

La Svizzera oltre ad essere ricca di monumenti e reperti storici, è anche composta...

BM Traslochi: Un trasloco senza pensieri

Il trasloco è ritenuto uno degli eventi più stressanti che può capitare durante la...