Nell’ambito della giornata di lancio della campagna nazionale contro lo spreco alimentare, Il Dipartimento del territorio (DT), in collaborazione con l’Associazione delle consumatrici e dei consumatori della Svizzera italiana (ACSI), WWF Svizzera, il Gruppo di Educazione Ambientale della Svizzera italiana (GEASI) e l’Istituto scolastico della Città di Mendrisio,  intende sensibilizzare la popolazione sul tema dello spreco alimentare, attraverso la diffusione di materiale informativo e la promozione d’iniziative nell’ambito dell’educazione ambientale.

Secondo un recente studio condotto dal Politecnico federale di Zurigo, infatti, si stima che nelle economie domestiche svizzere, annualmente 90 chilogrammi pro capite di alimenti ancora commestibili vengono gettati nel sacco dei rifiuti, il che equivale a un costo annuo per persona superiore ai 600 franchi.

In occasione dell’odierna giornata, il DT ha presentato a Mendrisio un documento informativo volto a sensibilizzare la popolazione su questa tematica d’attualità. Lo stesso è consultabile al seguente indirizzo online: www.ti.ch/sviluppo-sostenibile.

Inoltre, questa mattina è stato organizzato un momento didattico, promosso in collaborazione con l’Istituto scolastico di Mendrisio, che ha coinvolto gli allievi di quarta elementare in attività pratiche di approfondimento sugli sprechi alimentari e il loro impatto sull’ambiente. I bambini hanno quindi potuto riflettere in modo ludico sul comportamento individuale da adottare per contenere la propria impronta ecologica.

Si rammenta, infine, che entro il 2030 la Svizzera è chiamata a ridurre della metà lo spreco alimentare pro capite, sia per quanto riguarda la vendita al dettaglio, sia per le economie domestiche, come pure a contenere le perdite di cibo nelle catene di produzione e di fornitura. Questo obiettivo è in linea con quanto indicato dall’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile.