Pubblicità

L’emergenza Coronavirus è ormai sotto gli occhi di tutti anche in Ticino! Il primo morto nel nostro Cantone è purtroppo arrivato. La forte crescita dei contagi nelle ultime 24 ore in Svizzera e in Ticino, conferma quanto possa diventare grave e pericolosa la situazione. I medici ormai lanciano appelli pubblici tramite i media per chiedere che anche nel nostro Cantone vengano attuate misure drastiche per evitare migliaia di malati, con il conseguente collasso del sistema sanitario.

Ogni giorno varcano il confine 70’000 frontalieri da quella Lombardia, zona rossa come tutta l’Italia, che si appresta a chiudere anche trasporti pubblici e negozi. Questi lavoratori risiedono nel secondo paese al mondo per numero di contagi e morti. Non possiamo permetterci di giocare alla roulette russa! È ora che anche in Svizzera dimostri di avere un po’ di coraggio e chiuda finalmente le frontiere! Una scelta che è stata adottata oggi anche dall’Austria, che tra l’altro è anche membro dell’Unione Europea.

Oltre a chiudere l’accesso al nostro paese dobbiamo prendere misure drastiche anche sul piano interno. Come ormai chiedono molti medici, tutte le scuole in Ticino vanno immediatamente chiuse! Gli stessi provvedimenti vanno attuati anche per tutti i luoghi che non permettono di rispettare la “distanza sociale”.

Se il Cantone non prenderà finalmente delle misure adeguate, si chiede al Municipio di adottare quanto prima tutte quelle di sua competenza.

Lega dei Ticinesi – Sezione Lugano

Pubblicità