SPONSOR UFFICIALE ANNO 2020 E ANNO 2021

Biblioteche cantonali. Riprendono le attività culturali

In linea con le recenti disposizioni federali, a partire da questa settimana le Biblioteche cantonali torneranno a proporre, oltre all’accesso alle sale di lettura e di studio, alle postazioni di consultazione delle banche dati e alle sale giornali, una propria offerta di attività culturali (conferenze, presentazioni, incontri e mostre). Servizi e attività culturali sono garantiti nel rispetto delle norme igienico-sanitarie e di sicurezza definite da un piano di protezione a tutela dell’utenza e del personale. Gli spazi accoglieranno un numero ridotto e controllato di utenti e sono prescritte le consuete norme, il distanziamento, l’uso della mascherina, la messa a disposizione di disinfettanti, il tracciamento ecc.

È in via di definizione un calendario che prevede conferenze e incontri distribuiti anche nel periodo estivo, sul modello di quanto già proposto nel 2020. In particolare le quattro sedi cantonali ospiteranno anche quest’anno, in collaborazione con la Divisione della cultura e degli studi universitari, una rassegna di incontri con scrittori che si terranno in esterno, nei parchi adiacenti agli Istituti.

Novità nei servizi delle Biblioteche cantonali

In occasione dell’entrata in vigore di un nuovo Regolamento di gestione delle Biblioteche cantonali, è introdotta una formula agevolata per il prestito interbibliotecario da biblioteche svizzere che hanno sede fuori dal territorio cantonale: dal 1 maggio 2021, gli studenti potranno approfittare di questo servizio al prezzo ridotto di 6.- franchi per libro ordinato. Dal 1 gennaio di quest’anno è peraltro in atto la generalizzazione del prestito interbibliotecario gratuito per tutti gli istituti che sorgono sul territorio cantonale.

Ha riscontrato un notevole successo l’implementazione della tecnologia di autoprestito a radiofrequenza nelle Biblioteche cantonali di Mendrisio e Lugano; due terzi delle operazioni vengono ora effettuate ricorrendo a questa modalità. La sede di Bellinzona mette infine da qualche settimana a disposizione un sistema di riconsegna notturna e festiva del materiale prestato, attraverso un box collocato all’esterno dell’edificio.