SPONSOR UFFICIALE ANNO 2020 E ANNO 2021

La Convenzione di Macolin è un accordo del Consiglio d’Europa finalizzato alla lotta contro la manipolazione delle competizioni sportive. Per l’attuazione dell’accordo è prevista l’istituzione di un comitato che avrà tra l’altro il compito di sottoporre pareri al Comitato dei Ministri e formulare raccomandazioni agli Stati firmatari. Nella sua seduta del 1° ottobre 2021 il Consiglio federale ha nominato i rappresentanti della Svizzera.

La manipolazione delle competizioni sportive al fine di ottenere profitti illegali da scommesse è un problema diffuso su scala mondiale. Di fronte al crescente volume delle scommesse legali e illegali, gli ambienti sportivi non sono in grado di opporsi autonomamente al rischio di abusi e devono poter contare sull’aiuto delle istituzioni statali. Per tale ragione, in occasione della Conferenza dei ministri dello sport del 2014 a Macolin, il Consiglio d’Europa ha elaborato, su iniziativa della Svizzera, una convenzione contro la manipolazione delle competizioni sportive. La Convenzione di Macolin è stata nel frattempo sottoscritta da 38 Stati; sette Paesi, tra cui la Svizzera, l’hanno già ratificata. In Svizzera la Convenzione è in vigore dal 2019.

Regole per la lotta contro la manipolazione delle competizioni

La Convenzione di Macolin è volta tra l’altro a promuovere la cooperazione internazionale tra organizzazioni e autorità addette alla lotta contro la manipolazione delle competizioni; tale cooperazione comprende anche la mutua assistenza giudiziaria. Nella Convenzione sono sancite regole vincolanti a livello internazionale per la lotta contro la manipolazione delle competizioni sportive. Gli Stati che ratificano la Convenzione si impegnano a emanare norme penali incisive e a fornire mutua assistenza giudiziaria. La Svizzera ha già proceduto in tal senso con l’entrata in vigore della legge federale sui giochi in denaro.

Comitato per l’attuazione della Convenzione

Come per altri accordi analoghi, anche per l’attuazione della Convenzione di Macolin il Consiglio d’Europa ha istituito un apposito comitato in cui sono rappresentati gli Stati firmatari. Il Comitato d’attuazione ha il compito di sottoporre pareri al Comitato dei Ministri e formulare raccomandazioni agli Stati firmatari. Inoltre, svolge visite di monitoraggio negli Stati membri e designa le organizzazioni sportive che rientrano nel campo d’applicazione della Convenzione.

Il Consiglio federale ha nominato i seguenti membri del Comitato d’attuazione:

  • Patrik Eichenberger, sost. direttore nonché responsabile di settore della piattaforma nazionale per la lotta contro la manipolazione delle competizioni sportive presso l’Autorità intercantonale di vigilanza sui giochi in denaro «gespa» a Berna.
  • Giannina Spescha, avvocata, giurista presso l’Ufficio federale di giustizia UFG a Berna. L’UFG è competente in Svizzera per la regolamentazione dei giochi in denaro.
  • Ruth Wipfli Steinegger, vicepresidente del Comitato esecutivo di Swiss Olympic a Ittigen. Swiss Olympic è l’associazione mantello dello sport svizzero.

Nomina a membro del Comitato d’attuazione e a responsabile del gruppo di rappresentanti svizzeri:

  • Wilhelm Rauch, avvocato, responsabile del servizio giuridico dell’Ufficio federale dello sport UFSPO a Macolin. L’UFSPO è l’autorità svizzera competente per la lotta contro gli effetti collaterali indesiderati nello sport.