SPONSOR UFFICIALE ANNO 2020 E ANNO 2021

Il Municipio ha licenziato oggi all’attenzione del Consiglio Comunale un credito di 3 milioni di franchi per i lavori di manutenzione straordinaria della Scuola montana di Nante. Gli interventi previsti consentiranno di risanare l’edificio, assicurando la continuità delle attività scolastiche fuori sede per le allieve e gli allievi delle scuole elementari di Lugano.

La Casa di Nante risale all’inizio degli anni ’60 e si trova nel comune di Airolo, all’entrata del villaggio di Nante. La Casa è stata acquistata dalla Città nel 1967, e nel dicembre dello stesso anno ha avuto luogo per la prima volta il corso scolastico di sci per le scuole elementari di Lugano. Nel 1991, a conclusione di alcuni lavori di ristrutturazione e ampliamento della struttura, è stata inaugurata la sede rinnovata della Scuola montana di Lugano. Qui i bambini di quarta e quinta elementare hanno l’opportunità di trascorrervi rispettivamente due e una settimana e cimentarsi in attività sportive e didattiche legate in particolare alla conoscenza del territorio. Le tradizionali settimane invernali ed estive delle classi elementari costituiscono un momento privilegiato per la crescita dei bambini che possono così soddisfare il loro bisogno di relazione, di gioco e di esplorazione della natura. A Nante hanno luogo anche le colonie estive e i corsi di sci extrascolastici a cura della Divisione Socialità. Ogni anno si contano oltre 10’000 pernottamenti.

La struttura necessita oggi di alcuni interventi di manutenzione straordinaria al fine di garantire la continuità delle attività scolastiche per le allieve e gli allievi dell’Istituto scolastico di Lugano e il buon funzionamento dell’edificio per i prossimi decenni. Le opere di ristrutturazione generale all’interno e all’esterno dell’edificio riguardano in particolare il risanamento energetico dello stabile (illuminazione con tecnologia LED, centrale termica, gestione del calore, ecc.), il rinnovo dell’impiantistica (canalizzazioni, impianto elettrico), del mobilio e delle attrezzature vetuste.

È previsto anche il rifacimento del piazzale esterno e della strada di accesso dei fornitori con un nuovo manto stradale per consentire il transito dei bus e degli spazzaneve. Sarà possibile chiedere gli incentivi cantonali (FER, Fondo per le energie rinnovabili) per le opere di risanamento dell’impianto di illuminazione e della centrale termica, per un importo stimato in circa 285’000 franchi.

Durante il periodo dei lavori, le allieve e gli allievi di quarta e quinta elementare potranno continuare a svolgere le attività scolastiche fuori sede in una struttura alternativa.