Il Consiglio di Stato prende atto con soddisfazione della sentenza con la quale il Tribunale federale ha respinto due ricorsi che contestavano la validità del turno di ballottaggio per l’elezione dei deputati al Consiglio degli Stati, avvenuta il 17 novembre 2019. La decisione conferma definitivamente la correttezza dell’esito dell’elezione.

Il Tribunale federale è stato chiamato a esprimersi su due ricorsi, presentanti da un cittadino ticinese, che contestavano l’esito del turno di ballottaggio per l’elezione dei deputati al Consiglio degli Stati del 17 novembre 2019. Il primo ricorso riguardava il verbale di accertamento dei risultati della votazione; il secondo, invece, contestava la sentenza con la quale il Tribunale cantonale amministrativo, il 3 giugno 2020, aveva giudicato corretto l’esito dell’elezione. Nelle proprie motivazioni, il Tribunale federale conferma la sentenza sottolineando l’accurata e scrupolosa valutazione dei fatti.

Il Consiglio di Stato prende atto con soddisfazione della decisione, che conferma definitivamente la correttezza dei risultati.