SPONSOR UFFICIALE ANNO 2020 E ANNO 2021

Il Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (DECS), tramite la Divisione della scuola (DS), ha promosso anche quest’anno un corso di aggiornamento per i docenti della scuola dell’obbligo, percorsi didattici legati al ‘Piano di studio’ nella scuola dell’obbligo ticinese. Novecento i partecipanti alle due giornate, 20 e 21 agosto, per quello che si può considerare il primo evento con numeri importanti del nuovo anno scolastico. Manuele Bertoli, Consigliere di Stato e direttore del DECS, anche quest’anno ha partecipato con una breve ma intesa visita a questa importante tappa formativa.

La scuola ticinese è pronta a ripartire, in presenza, dopo l’esperienza certo originale vissuta nei mesi scorsi. L’anno scolastico lasciato alle spalle è stato senza dubbio fuori dal comune e fra le non poche privazioni, necessarie per evitare l’ulteriore espansione della pandemia Covid-19, va considerata anche l’impossibilità d’instaurare una regolare relazione in presenza dove la collaborazione diventa elemento centrale dell’insegnamento. In questa che viene definita una “nuova normalità”, la Divisione della scuola (DS) ha voluto mantenere, dopo un’approfondita riflessione, l’appuntamento con gli atelier delle “buone partiche”, due mezze giornate di aggiornamento per tutti i docenti della scuola dell’obbligo. Circa 900 i partecipanti all’edizione di quest’anno tenutasi fra giovedì 20 e venerdì 21 a Bellinzona e Mendrisio, un numero importante ma inferiore, per questioni logistiche (la ‘distanza sociale’ all’interno delle aule), rispetto alle precedenti edizioni. Il Consigliere di Stato Manuele Bertoli ha visitato oggi, venerdì, a Mendrisio, due atelier: il primo dedicato all’inclusione – uno dei pilastri della scuola ticinese –  e il secondo all’educazione civica con particolare riferimento alla democrazia popolare.