SPONSOR UFFICIALE ANNO 2020 E ANNO 2021

Il Consiglio federale ha deciso che in futuro il materiale sanitario sarà rimunerato in modo unitario in tutta la Svizzera. Gli assicuratori malattia dovranno assumere il finanziamento del materiale sanitario indipendentemente che sia o meno utilizzato dal personale infermieristico. Nella sua seduta del 27 maggio 2020 il Consiglio federale ha licenziato il relativo messaggio.

L’assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie (AOMS) prevede attualmente una rimunerazione separata dei materiali che i pazienti utilizzano direttamente o con l’aiuto di una persona non professionista che collabora con loro, e che figurano nell’elenco dei mezzi e degli apparecchi (EMAp). Riguardo al materiale sanitario utilizzato da personale infermieristico nelle case di cura e nelle cure ambulatoriali (p. es.  ausili per l’incontinenza, bendaggi) non è invece prevista alcuna rimunerazione separata. Il Consiglio federale intende eliminare la differenziazione tra i due tipi di impiego e assicurare il finanziamento del materiale sanitario nell’ambito delle cure ambulatoriali e delle case di cura. La rimunerazione è effettuata esclusivamente dall’AOMS, il che permette di evitare il rischio che i pazienti non abbiano accesso al materiale sanitario necessario a causa del non rimborso dei costi.

Il disciplinamento proposto dal Consiglio federale chiarisce le modalità di fatturazione per i fornitori di prestazioni e gli assicuratori e permette una rimunerazione unitaria del materiale sanitario in tutta la Svizzera. In tal modo scompaiono i doppioni tra gli assicuratori malattia e i Cantoni nel controllo delle fatture e le differenziazioni di impiego previste dal diritto vigente.

Meno costi per Cantoni e Comuni

La regolamentazione decisa dal Consiglio federale dovrà essere sancita nella legge federale sull’assicurazione malattie (LAMal). Si stima che Cantoni e Comuni saranno sgravati di circa 65 milioni di franchi. Il corrispondente importo sarà assunto dall’AOMS.