FrenchGermanItalian

Il presidente della Confederazione Ignazio Cassis, la presidente del Consiglio nazionale Irène Kälin e il presidente del CICR Peter Maurer in visita in Niger

- Google NEWS -

Dal 7 al 9 febbraio 2022 il presidente della Confederazione Ignazio Cassis sarà in visita in Niger, Paese dell’Africa occidentale che nel 2021 ha vissuto il primo cambio di potere democratico della sua storia. Sarà accompagnato dalla presidente del Consiglio nazionale Irène Kälin. Il presidente del CICR Peter Maurer si unirà alla delegazione in Niger. Nel suo anno di presidenza Ignazio Cassis pone l’accento su una stretta collaborazione con il CICR.

Gli Stati della regione del Sahel, area geografica prioritaria della Strategia Africa subsahariana del Consiglio federale, devono affrontare notevoli sfide. Nelle regioni limitrofe l’estremismo violento è in recrudescenza e sta compromettendo la situazione della sicurezza anche in Niger. Ne conseguono un peggioramento della crisi umanitaria – circa 3,7 milioni di abitanti del Niger dipendono dagli aiuti umanitari – e un aumento della povertà. Alle giovani generazioni mancano opportunità di lavoro e di formazione. Il Niger non è solo uno degli Stati più vulnerabili del mondo , ma è anche il più importante Paese di transito dei flussi migratori che dall’Africa occidentale si dirigono verso l’Europa.

Aiuto umanitario, istruzione e migrazione sono altri temi al centro del viaggio del presidente della Confederazione.

– In un centro di riabilitazione fisica ad Agadez la delegazione svizzera incontrerà persone con disabilità, particolarmente bisognose di protezione e assistenza in questi contesti fragili. Il centro del CICR fornisce loro ausili tecnici come sedie a rotelle e le aiuta a integrarsi nella società e nella vita lavorativa. Conformemente alla Strategia di politica estera 2020–2023, la Svizzera fa leva sul suo partenariato con il CICR per proteggere le persone in difficoltà e garantire il rispetto del diritto internazionale umanitario. Con la sua delegazione di alto livello, il presidente della Confederazione sottolinea la tradizione umanitaria della Svizzera nell’intero continente africano.

– Nella città di Maradi la delegazione visiterà un progetto della DSC che si prefigge di ridurre l’analfabetismo. In Niger, infatti, circa la metà delle bambine e dei bambini non va a scuola.

– In programma c’è anche una visita a un centro di accoglienza sostenuto dalla Svizzera, nel quale migranti in situazioni difficili ricevono consulenza psicologica e possono seguire una formazione. Uno degli obiettivi della politica migratoria svizzera è aiutare le persone in loco e creare prospettive anche allo scopo di ridurre le cause della migrazione irregolare.

Contatti ad alto livello a Niamey

Nella capitale Niamey la delegazione svizzera incontrerà il presidente del Niger Mohamed Bazoum. I colloqui verteranno sulle relazioni bilaterali tra la Svizzera e il Niger, sulla cooperazione internazionale, su questioni regionali, sul cambiamento climatico e sulla situazione umanitaria nella regione del Sahel. Il presidente della Confederazione Cassis incontrerà anche il primo ministro Ouhoumoudou Mahamadou, il ministro degli esteri Hassoumi Massoudou e altri membri del Governo. La presidente del Consiglio nazionale Irène Kälin dialogherà con il suo omologo Seini Oumarou.

- Pubblicità -

Le imprese ti attendono

Da Genini Resine Sagl trovi esperienza, qualità e innovazione

Genini Resine Sagl è attiva sul mercato svizzero nell’ambito del trattamento, posa e fornitura...

BOTTE IDRAULICA Sempre presenti con servizio di picchetto 24h su 24

La ditta Botte Idraulica si trova a Lugano e opera in tutto il Ticino....