FrenchGermanItalian

Imminente la migrazione nell’ambito del pro-getto di salvaguardia del valore di Polycom 2030

- Google NEWS -

La rete nazionale di sicurezza radio Polycom per la polizia, i pompieri, servizi sanitari d’emergenza e la guardie di confine è attualmente in fase di rinnovo. Quest’estate il progetto «Salvaguardia del valore di Polycom 2030», avviato nel 2016, raggiungerà un importante traguardo strategico: l’avvio del cosiddetto «rollout di massa» nei cantoni e presso l’Ufficio federale della dogana e della sicurezza dei confini. Il rollout inizierà probabilmente nel mese di luglio 2022.

Durante la seduta del comitato di progetto del 12 aprile 2022 con i rappresentanti delle autorità federali e cantonali, la ditta incaricata dell’integrazione, Atos Svizzera SA, ha presentato lo stato d’avanzamento del progetto. A partire da luglio, il rollout di massa avrà luogo e con esso la sostituzione delle 750 stazioni base Polycom e la messa in esercizio di numerosi nuovi sistemi periferici. Questo passo era originariamente previsto per maggio e ha dovuto essere posticipato per garantire la massima qualità e sicurezza. Al momento, mancano ancora alcune funzionalità importanti a livello di sicurezza indispensabili per garantire l’esercizio operativo da parte dei gestori delle sottoreti. L’implementazione di queste funzionalità è un presupposto inderogabile per l’avvio del rollout su scala nazionale secondo i criteri predefiniti dal comitato del progetto.

Anche se il progetto sta avanzando in modo soddisfacente, i ritardi e gli errori accumulati nelle fasi precedenti continuano a comportare rischi elevati. In particolare, non si può ancora escludere che i vecchi e nuovi componenti debbano funzionare in parallelo anche dopo il 2025.

Preparativi per la fase di migrazione

Dalla fine del 2021, nel Canton Argovia è in corso un progetto pilota nell’ambito del quale sono stati individuati diversi problemi di software. Nel frattempo, molti sono già stati risolti. In maggio si procederà pertanto con la sostituzione dei vecchi sistemi nel secondo cantone pilota: il Canton Berna. Un piano aggiornato per la migrazione negli altri cantoni seguirà a maggio. L’obiettivo rimane quello di migrare tutte le stazioni di base e i componenti entro la fine del 2024.

In marzo è stata rinforzata la task force della Confederazione, della ditta d’integrazione Atos e del fabbricante dei componenti Airbus, istituita per affrontare efficientemente i problemi che sono emersi nel cantone pilota di Argovia. Parallelamente, l’organizzazione del progetto è stata riesaminata e completata con nuove risorse. I primi cantoni toccati dal rollout di massa sono stati coinvolti nel processo decisionale del comitato di progetto. 

Importante sistema di comunicazione per la polizia, i pompieri e la sanità

Polycom è la rete radio nazionale di sicurezza delle autorità e delle organizzazioni attive nel campo del salvataggio e della sicurezza (AOSS). Consente il collegamento radio all’interno e tra le organizzazioni delle guardie di confine, della polizia, dei pompieri, dei servizi sanitari d’emergenza, della protezione civile e delle unità di supporto dell’esercito. Insieme ai suoi partner, l’UFPP sta portando verso un futuro sostenibile l’infrastruttura di comunicazione esistente, utilizzata quotidianamente da circa 55’000 utenti. Gran parte dei componenti del sistema Polycom devono essere rinnovati per il passaggio dal Time Division Multiplexing (TDM) alla tecnologia IP. Il progetto di salvaguardia del valore Polycom 2030 garantirà l’uso del sistema radio fino al 2030.

- Pubblicità -

Le imprese ti attendono

MT System – L’azienda ticinese esperta a 360° in produzione ed installazione di impianti ad energia rinnovabile

Mettetevi comodi perché penseremo a tutto noi. Qualità, rapidità, sicurezza ed efficienza sono le...

Scuola guida Bellinzona, una realtà che ti assiste non solo per la patente…

Questa struttura e’ gestita da Bruno Zamborlin, classe 1973, meccanico di auto e istruttore...