FrenchGermanItalian

La Confederazione avvia la seconda fase della gestione comune dei dati di base

- Google NEWS -

La gestione comune dei dati di base della Confederazione è una componente essenziale della trasformazione digitale. Nella seduta del 4 marzo 2022 il Consiglio federale ha preso atto dei risultati della prima fase e conferito i mandati per la seconda fase. Per quanto possibile, dopo i dati delle imprese, anche i dati personali saranno registrati una sola volta presso la Confederazione e utilizzati congiuntamente (secondo il principio conosciuto come «once only»).

I dati di base sono dati che vengono usati in tutta una serie di processi, quali il nome o l’indirizzo. Lo scopo è di far sì che siano gestiti in modo coordinato presso la Confederazione e possano essere utilizzati dalle amministrazioni a tutti i livelli, sempre osservando le norme sulla protezione dei dati. In teoria una persona dovrà quindi comunicare solo una volta i suoi dati alle autorità. Dopo questa prima immissione, non dovranno più essere rilevati da altri servizi (federali, cantonali o comunali).

La gestione comune dei dati perseguita sgrava sia i cittadini sia le imprese, aumentando anche l’efficienza dei servizi e migliorando la qualità dei dati stessi. L’amministrazione e i suoi clienti potranno così individuare e correggere più facilmente i dati errati.

Procedura a tappe

I lavori nell’ambito dei dati di base si fondano sulla «Strategia per lo sviluppo della gestione comune dei dati di base della Confederazione» approvata dal Consiglio federale mediante decreto del 19 dicembre 2018 e attuata in più tappe. Nella prima fase (2019-2021) sono state attuate le misure legali, organizzative e tecniche per la gestione e l’utilizzazione comuni dei dati di base delle imprese. Il Consiglio federale ha preso atto in data odierna del rapporto sui risultati di questa prima fase ed ha adottato le pertinenti modifiche dell’ordinanza sul registro delle imprese e degli stabilimenti (ORIS). Per maggiori informazioni su quest’ultimo aspetto si rinvia al comunicato stampa del Dipartimento federale dell’interno (cfr. link sotto).

La seconda fase, prevista per il 2022-2024, si concentrerà sulla gestione e l’utilizzazione comuni dei dati di base relativi alle persone fisiche, agli edifici e alle abitazioni. Nella gestione comune dei dati di base della Confederazione saranno integrate anche geoinformazioni. Il Consiglio federale ha approvato l’attuazione dei lavori necessari a tal fine e conferito i relativi mandati.

La protezione dei dati e la sicurezza dell’informazione devono essere garantiti

Quando si lavora con dati personali, la protezione dei dati e la sicurezza dell’informazione assumono un’importanza particolare. Occorrerà prestare attenzione soprattutto ai seguenti punti:

•    le informazioni riguarderanno ad esempio il nome, il cognome e il numero AVS e non dati degni di particolare protezione. I dati di base non dovranno consentire di elaborare profili della personalità;
•    i dati devono poter essere elaborati esclusivamente ai fini dell’adempimento del mandato legale dell’unità amministrativa interessata;
•    l’accesso è limitato all’interno delle amministrazioni conformemente alle norme sulla protezione dei dati e allo scopo previsto.

Concertazione con i Cantoni e i Comuni

Ai fini dell’utilizzazione e della gestione comuni dei dati, il coordinamento fra i diversi livelli amministrativi assume un ruolo vieppiù importante. La seconda fase è quindi armonizzata con altri progetti, ad esempio la gestione federalistica dei dati nell’ambito dell’Amministrazione digitale Svizzera (ADS).

Quale prossimo passo saranno esaminati i requisiti legali, organizzativi e tecnici per la seconda fase. Seguiranno poi i lavori di attuazione. Entro fine 2024 dovranno essere sottoposti al Consiglio federale il relativo rapporto e le ulteriori tappe di sviluppo.

- Pubblicità -

Le imprese ti attendono

ARNABOLDI & DELFANTE SAGL: DAL FERRO ALL’ACCIAIO, UNA TRADIZIONE FAMILIARE DA OLTRE 160 ANNI

Correva l’anno 1860 quando Paolo Arnaboldi fondava a Mulino Nuovo la ditta per la...

AM HUB INTERIORS: QUANDO IL DESIGN È DI CASA

Da Lugano la società AM Hub Interiors crea splendidi ambienti da vivere, arricchendo, così,...

Progetto Carasc – La valorizzazione del territorio svizzero

L’importanza di un territorio non è solo legato all’importanza di voler vedere un bel...