“Universo 25: l’odore della convivenza” è il titolo del primo capitolo di un programma culturale diffuso che il Collettivo artistico Sonnenstube ha realizzato in collaborazione con la Città di Lugano e che dal 29 agosto al 27 settembre 2020 avrà come prima tappa l’ingresso al parco di Villa Florida.

Dopo sei anni di programmazione, di cui cinque in Via Canonica e uno in residenza presso lo spazio culturale indipendente Morel, il Collettivo Sonnenstube ha deciso di proporsi con un nuovo format espositivo itinerante.
Sulla scorta di quanto già accade in altre città della Svizzera, Sonnenstube e la Città di Lugano hanno identificato insieme alcuni edifici pubblici senza destinazione definitiva, che si adattano perfettamente alle esigenze espositive della programmazione del Collettivo: Villa Florida, o meglio ciò che resta dopo la sua demolizione del 1977 (e cioè la casa del custode all’entrata del bellissimo parco nel quartiere di Loreto), e Villa Costanza a Viganello. Complice nel progetto, la Città – con le Divisioni Cultura e Gestione e manutenzione – ha in particolare ritenuto interessante concedere temporaneamente questi spazi a titolo gratuito per produrre cultura alternativa di alto profilo e al contempo proporre nuovi luoghi di aggregazione, oggetto di sicuro interesse per i cittadini.

Il progetto “Universo 25: l’odore della convivenza”, che prende avvio a fine agosto in Villa Florida, è nato nel pieno del periodo Covid: agli artisti Enrico Boccioletti e Caroline Schattling Villeval sono stati mostrati unicamente video e fotografie della Villa, inaccessibile durante la pandemia, e chiesto loro di produrre delle opere originali da inserire all’interno della location. Boccioletti (1984), artista e musicista basato a Milano, presenterà per l’occasione un intervento olfattivo e sonoro mentre Schattling Villeval (1997), pittrice e scultrice di origini zurighesi, un’istallazione artistico-testuale con l’inserimento di alcuni suoi scritti.

Il tema della convivenza artificiale, in apparenza armoniosa ma potenzialmente catastrofica in mancanza di spazio e di troppe interazioni sociali, e che lega concettualmente i due artisti, è stato trovato in seguito dalle due appassionate curatrici Olivotto-Paolino. “Universo 25: l’odore della convivenza”, titolo della bi-personale, è anche un esperimento realmente concepito nel 1968 e ritornato agli onori della cronaca durante il lockdown, facendo riaffiorare in superficie lontane ma attualissime preoccupazioni antropiche legate in particolare al tema della sovrappopolazione.

“Abbiamo voluto sostenere il progetto Universo 25 perché riteniamo che sia importante sostenere anche i migliori esiti dell’arte indipendente – ha dichiarato Roberto Badaracco,

capo Dicastero cultura sport ed eventi – che spesso non hanno un contesto in cui operare con continuità. Inoltre, questa nuova forma di collaborazione, permette di valorizzare anche alcune delle importanti proprietà della Città ancora senza una destinazione definitiva”.

Creatosi nel 2013, Sonnenstube è un collettivo indipendente con una programmazione regolare dedicata alle arti visive contemporanee e alla musica sperimentale, riconosciuta a livello internazionale. La sua missione consiste nell’instaurare un luogo di presentazione per la scena artistica emergente; un’attenzione particolare è data ai progetti interdisciplinari e alle mostre che favoriscono la collaborazione tra giovani artisti provenienti da aree culturali differenti.

Sonnenstube è diretto dall’omonima Associazione che si finanzia grazie ai contributi dei fondatori, al sostegno annuale di Pro Helvetia, Città di Lugano, Cantone Ticino – Fondo Swisslos, e occasionalmente grazie a sponsor privati, fondazioni e contributi di varia provenienza.

“Universo 25: l’odore della convivenza”
con Enrico Boccioletti e Caroline Schattling Villeval a cura di Giada Olivotto e Camilla Paolino

Villa Florida (via Mazzini 20)
dal 29 agosto al 27 settembre 2020
il mercoledì e il sabato dalle ore 14.00 alle 18.00

A questo primo episodio ne seguiranno altri tre nel 2020: “Guardami negli occhi” in ottobre, “Tarantula” in novembre e “Sirena” in dicembre.