Il Municipio, nella sua seduta odierna, ha deciso di mettere a concorso la gestione degli stabili da reddito di proprietà della Città, attualmente amministrati dalla Gestione Immobiliare per Istituzioni SA (GIpI). Il nuovo mandato prevede che gli immobili comunali siano gestiti in modo differenziato.

Il patrimonio immobiliare della Città è stato amministrato per oltre 20 anni dalla Cassa Pensioni di Lugano (CPdL). Nel 2017, in seguito alla riorganizzazione di quest’ultima, il Municipio ha affidato la gestione alla società Glpl SA (spin off della CPdL che ne è azionista unico). Il mandato, che scade il 31 dicembre 2020, verrà messo a concorso. Il bando sarà aperto il prossimo 6 ottobre e pubblicato sul foglio ufficiale e sul sito www.lugano.ch.

L’Esecutivo intende affidare la gestione degli stabili a una società che, alle migliori condizioni, possa occuparsi degli immobili in modo efficiente e differenziato, secondo le singole esigenze di gestione. Gli oggetti messi a concorso comprendono edifici residenziali con circa 325 appartamenti, negozi, esercizi pubblici legati alla ristorazione, posteggi, posti barca, terreni e orti comunali.

Per la maggioranza degli oggetti verrà chiesta una gestione si a livello amministrativo sia tecnico. Tra questi rientrano soprattutto gli stabili residenziali, la cui pigione annuale ammonta a circa 7.5 milioni di franchi. Per altri immobili si chiede una gestione puramente amministrativa che si limiterà alla parte contrattuale relativa ai locatari. Tra questi beni vi sono, ad esempio, posteggi, posti barca, terreni, alcuni immobili affittati a enti diversi, ecc. La pigione annua di questi oggetti ammonta a circa 1.5 milioni di franchi.

Gli immobili di proprietà della Città che non figurano nel mandato saranno gestiti direttamente dal Comune grazie all’ausilio dei propri servizi.

Il vincitore del concorso inizierà a operare a partire dalla primavera 2021 e il mandato avrà una durata di quattro anni.