SPONSOR UFFICIALE ANNO 2020 E ANNO 2021

Il 24 agosto 2021 il consigliere federale Cassis ha partecipato, insieme al ministro degli esteri dell’Oman Sayyid Badr Al Busaidi, al Forum del Middle East Mediterranean (MEM) Summer Summit a Lugano. L’evento offre a una platea di giovani della regione del Medio Oriente e del Nord Africa (MENA) una piattaforma per dialogare e sviluppare insieme nuove idee.

Durante il suo discorso al MEM Forum, organizzato dall’Università della Svizzera italiana (USI), il capo del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) ha sottolineato l’intensità delle relazioni tra la Svizzera e la regione MENA. «Per la prossimità geografica e l’importanza geopolitica, il Medio Oriente e il Nord Africa sono una regione prioritaria per la Svizzera, con la quale condividiamo un solido patrimonio storico e culturale», ha detto il consigliere federale Cassis nella sua allocuzione. L’importanza di questi legami si riflette anche nella Strategia MENA adottata dal Consiglio federale nell’ottobre del 2020.

Le giovani generazioni al centro della Strategia MENA
Oltre al rafforzamento della pace, della sicurezza e della prosperità, la Strategia MENA pone al centro della politica estera della Svizzera anche la promozione delle giovani generazioni, che devono essere sostenute. In occasione del Forum MEM Ignazio Cassis ha ribadito il potenziale dei giovani: «Nella regione MENA circa il 45 per cento della popolazione ha meno di 25 anni. Per me questo è sinonimo di rinnovamento e ottimismo. Durante il mio viaggio in Oman ho avuto l’opportunità di incontrare giovani donne e uomini motivati: occasioni di dialogo che mi sono state di forte ispirazione».

Tavola rotonda con il ministro degli esteri dell’Oman
Il consigliere federale Cassis ha partecipato al MEM Forum insieme al ministro degli esteri omanita Sayyid Badr Al Busaidi, che aveva accolto la sera prima a Lugano per portare avanti i colloqui bilaterali. I due ministri si erano già incontrati in primavera, durante il viaggio del consigliere federale Cassis in Oman.

Al MEM Forum il capo del DFAE ha anche sottolineato l’importanza di stringere solidi partenariati con i Paesi della regione per poter attuare efficacemente la strategia svizzera. Rivolgendosi al suo omologo omanita ha ribadito che «il Sultanato dell’Oman è un partner molto affidabile per la Svizzera». E ha aggiunto: «I nostri due Paesi hanno molto in comune, sia per quanto riguarda la tradizione di neutralità sia nel ruolo di costruttori di ponti che svolgiamo nella diplomazia di pace».

Nella successiva tavola rotonda i due ministri hanno discusso con giovani donne e uomini, i cosiddetti young change makers, sugli attuali sviluppi nella regione MENA.

Collaborazione con l’Università della Svizzera italiana
Il MEM Summer Summit, organizzato dall’USI in collaborazione con il DFAE, è arrivato ormai alla sua quarta edizione, che si terrà in forma ibrida, nel rispetto delle misure sanitarie in vigore. Sono circa 30 i giovani adulti (Young Change Makers) provenienti dall’area del Medio Oriente e del Nord Africa arrivati a Lugano per partecipare a diverse attività tra il 21 e il 28 agosto. Altri cento partecipanti si collegheranno virtualmente alle singole attività. Il 24 agosto, nell’ambito del Forum, rappresentanti di alto livello della politica, del mondo accademico e scientifico, dell’economia e della cultura hanno discusso, in diversi panel, con i partecipanti temi centrali sul presente e sul futuro della regione MENA.

L’intero Forum sarà trasmesso in streaming il 28 agosto sul sito web dell’iniziativa (www.mem-summersummit.ch).