Nella sua seduta settimanale il Consiglio di Stato ha nominato Tiziano Putelli, quale nuovo capo dell’Ufficio della caccia e della pesca.

Classe 1972, Tiziano Putelli è laureato in ingegneria civile ed è domiciliato a Lugano. Nel 2000, dopo un’esperienza di alcuni anni in uno studio di ingegneria privato, entra alle dipendenze dell’Amministrazione cantonale nell’organico dell’Ufficio della caccia e della pesca quale responsabile per i temi legati alla tutela e al recupero degli ecosistemi terrestri e acquatici. Dal febbraio del 2014 è anche membro dello staff di Direzione del Dipartimento del territorio. Durante questi anni il signor Putelli ha costruito relazioni personali positive con i diversi referenti dell’Amministrazione cantonale, federale, degli enti pubblici e delle associazioni di categoria, maturando una notevole esperienza sulle complesse dinamiche e sui temi che caratterizzano il vasto ambiente legato alle attività venatorie e della pesca.

Nella sua nuova funzione, Tiziano Putelli, oltre alla conduzione dell’ufficio, avrà il compito, coadiuvato dai suoi collaboratori, di gestire e promuovere le attività della pesca professionale/dilettantistica e quelle venatorie e di affrontare le future tematiche quali ad esempio la diffusione delle specie alloctone, la presenza dei grandi predatori, il recupero degli spazi vitali o il sostegno alle specie indigene minacciate a favore della biodiversità e delle risorse del nostro territorio.