Il 18 e il 19 giugno 2018, la fondazione Servizio trasfusionale CRS della Svizzera italiana – in collaborazione con la Cancelleria dello Stato – organizzerà un’azione speciale di promozione della donazione del sangue. Ai funzionari che aderiranno all’iniziativa, il Consiglio di Stato ha deciso di concedere un congedo pagato, per una durata massima di tre ore.

L’iniziativa di solidarietà – che avrà il proprio fulcro all’interno di Palazzo delle Orsoline – risponde alle richieste di una mozione presentata nel settembre 2015 dal deputato Simone Ghisla e approvata dal Parlamento. L’intento è di sensibilizzare la popolazione ticinese sull’importanza della donazione di sangue, mediante un’azione che veda la partecipazione di membri del Governo e del Parlamento.

A organizzare le due giornate sarà la fondazione Servizio trasfusionale CRS della Svizzera italiana, in collaborazione con la Cancelleria dello Stato. Considerata la decisione della Commissione sanitaria del Parlamento, che ha sollecitato l’estensione dell’invito anche ai dipendenti dell’Amministrazione cantonale, va ricordato che dal settembre 2014 la donazione di sangue non figura più fra i motivi di assenza che giustificano un congedo pagato per i dipendenti dello Stato.

L’importanza dell’evento ha tuttavia convinto il Consiglio di Stato a ripristinare per l’occasione questa possibilità; il 18 e 19 giugno 2018 sarà quindi concessa la possibilità di richiedere un congedo pagato – per un massimo di tre ore – a tutti i funzionari e ai docenti che, compatibilmente con le esigenze di servizio, vorranno aderire all’iniziativa organizzata a Palazzo delle Orsoline o donare sangue in un centro della fondazione Servizio trasfusionale CRS della Svizzera italiana.

Informazione per i media – Il 18 giugno dalle 11.00 alle 11.30 vi sarà la possibilità di scattare fotografie, effettuare brevi riprese video e raccogliere dichiarazioni in occasione della donazione di sangue da parte di membri del Consiglio di Stato e del Gran Consiglio.