SPONSOR UFFICIALE ANNO 2020 E ANNO 2021

Il 17 giugno 2021 il consigliere federale Ignazio Cassis ha incontrato a Parigi il ministro francese per l’Europa e gli affari esteri Jean-Yves Le Drian. I colloqui si sono incentrati soprattutto sui rapporti tra la Svizzera e l’Unione europea (UE) e le relazioni bilaterali, ma sono stati affrontati anche vari argomenti di attualità internazionale.

In occasione dell’incontro con il suo omologo francese Le Drian, il capo del DFAE Ignazio Cassis ha espresso l’auspicio del Consiglio federale di portare avanti il partenariato con l’UE sulla base degli accordi bilaterali. A tale scopo la Svizzera ha proposto all’UE l’avvio di un dialogo politico per definire le priorità comuni della futura cooperazione e accompagnarne l’attuazione. Il Consiglio federale intende inoltre continuare a collaborare nei settori in cui la cooperazione si è dimostrata efficace.

Anche varie questioni internazionali erano all’ordine del giorno della cena di lavoro tra i due ministri. Ignazio Cassis e Jean-Yves Le Drian hanno parlato in particolare del recente viaggio in Africa subsahariana del capo del DFAE e della situazione in Mali. Il consigliere federale Cassis ha illustrato in dettaglio l’impegno della Svizzera nella regione del Sahel. I due interlocutori hanno poi discusso della situazione in Libia e hanno manifestato la loro volontà di partecipare alla conferenza di Berlino sulla Libia il 23 giugno.

Intense relazioni bilaterali e transfrontaliere
La visita del consigliere federale Ignazio Cassis a Parigi rientra in una strategia di rafforzamento delle relazioni bilaterali con la Francia. I legami economici, umani e culturali tra la Svizzera e la Francia sono molto intensi. Durante la visita sono state evidenziate sia la qualità delle relazioni bilaterali che la ricchezza e l’intensità della cooperazione transfrontaliera, in particolare nel contesto della pandemia di COVID-19. La situazione del diritto del lavoro nel settore svizzero dell’aeroporto internazionale di Basilea Mulhouse e la questione del governo delle acque del Rodano sono stati anche discussi tra i due interlocutori.