SPONSOR UFFICIALE ANNO 2020 E ANNO 2021

Il Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (DECS), tramite la Divisione della cultura e degli studi universitari (DCSU), comunica che si è tenuta venerdì scorso, 16 aprile 2021, l’undicesima Conferenza cantonale della cultura (CCCult). L’incontro, esteso anche ai responsabili dei servizi culturali delle Città, è stato un momento prezioso di dialogo e d’aggiornamento in un momento in cui gli scambi sono limitati e le progettualità condizionate dal contesto sanitario.

L’undicesima Conferenza cantonale della cultura (CCCult) si è svolta venerdì 16 aprile 2021. All’incontro, presieduto dal Consigliere di Stato Manuele Bertoli, hanno partecipato i rappresentanti del Cantone, dei Comuni urbani, delle regioni periferiche e dei portatori d’interesse privati.

La Conferenza ha fornito l’occasione per un reciproco aggiornamento sui temi d’attualità come l’implementazione delle misure di sostegno previste dall’Ordinanza Covid Cultura. Durante l’incontro è stata inoltre promossa una discussione su quanto proposto da Locarno, Ascona, Bellinzona, Chiasso, Mendrisio e Lugano negli ultimi due appuntamenti. Un’occasione di dialogo e di confronto che tocca un tema, quello culturale, che si declina secondo modalità e sensibilità diverse.

Il Presidente della Conferenza, in collaborazione con la direttrice della Divisione della cultura e degli studi universitari Raffaella Castagnola Rossini, ha inoltre accolto i nuovi membri Elio Genazzi e Giulio Foletti in rappresentanza delle regioni periferiche e Simone Patelli in qualità di rappresentante designato dal Cantone. Al termine dell’incontro il Consigliere ha infine ringraziato il dimissionario Roberto Malacrida per l’assidua presenza ai lavori della CCCult.

La Conferenza, istituita nel 2015 a seguito dell’entrata in vigore della Legge sul sostegno alla cultura, riunisce due volte l’anno i rappresentanti degli enti preposti al sostegno della cultura: Cantone, Comuni e privati. Gli incontri servono a confrontarsi, coordinare indirizzi e strategie, e a stimolare un’offerta culturale diversificata e di qualità nei centri urbani e nelle zone periferiche. Proprio a queste ultime sarà dedicato il prossimo incontro della Conferenza: dopo aver approfondito le strategie di sostegno delle Città, i membri ascolteranno le voci di chi anima l’offerta culturale decentrata, le loro esigenze e le loro prospettive.