Il Consiglio di Stato ha nominato il Signor Siva Steiner nuovo Capo dell’Ufficio dell’assistenza riabilitativa della Divisione della giustizia, con entrata in funzione dal 1° dicembre 2019 in sostituzione dell’attuale responsabile Luisella Demartini-Foglia, prossima al pensionamento.

fotografia del Capo dell’Ufficio dell’assistenza riabilitativa Signor Siva Steiner

Classe 1967, domiciliato nel Comune di Capriasca, Siva Steiner vanta una solida esperienza quale Operatore sociale all’interno dell’Ufficio dell’assistenza riabilitativa, in cui è attivo dal 1999, e più in generale nell’ambito del settore dell’esecuzione delle pene e delle misure. Le competenze maturate negli anni si rileveranno fondamentali alfine di adempiere i compiti previsti nella direzione dell’Ufficio, che persegue quale scopo principale la prevenzione e il controllo del rischio di recidiva tramite l’azione educativa e la reintegrazione sociale, assicurando, durante la detenzione, l’assistenza sociale a tutte le persone che ne fanno richiesta. L’Ufficio dell’assistenza riabilitativa propone e controlla anche l’esecuzione delle misure penali previste dal Codice penale nei casi di malattie psichiche, dipendenze, giovani adulti e internamento. Si occupa pure della tematica relativa alla violenza domestica, per quanto concerne la gestione di autori o autrici. Inoltre, gestisce l’esecuzione delle pene cosiddette “esterne” contestualmente alla sorveglianza elettronica e al lavoro di pubblica utilità.

Il Signor Steiner entrerà formalmente in funzione a contare dal 1° dicembre 2019, succedendo all’attuale responsabile, Luisella Demartini-Foglia, prossima al pensionamento dopo un’esperienza ultratrentennale nel settore dell’esecuzione delle pene e delle misure. Un’esperienza intrapresa dall’interessata con passione e professionalità.

Il Consiglio di Stato coglie l’occasione di ringraziare Luisella Demartini-Foglia per l’impegno e la dedizione profusi quotidianamente nell’esercizio della sua funzione. Il Governo formula i migliori auguri al Signor Siva Steiner per l’inizio dell’attività e per le sfide che l’attendono in favore dell’Amministrazione cantonale.