SPONSOR UFFICIALE ANNO 2020 E ANNO 2021

Il dottor Paolo Montemurro, specialista in chirurgia plastica, ci dá qualche consiglio prezioso su come effettuare la scelta in modo corretto.

Come fare a scegliere lo specialista? Come fare a scegliere il giusto chirurgo plastico? Innanzitutto, che sia un chirurgo plastico, appunto. E questo è tutto fuorché banale: la legge consente a chiunque sia in possesso di una semplice laurea in medicina, di autodefinirsi “chirurgo estetico” e di effettuare interventi di chirurgia estetica senza peró avere nessuna istruzione universitaria. Ma è davvero questo quello che la gente vuole? O forse preferisce mettersi nelle mani di uno specialista, che ha dedicato anni ad imparare a rispondere alle esigenze di miglioramento di ogni singolo paziente? 

Non stupisce, quindi, il monito a diffidare anche di chi propone prezzi troppo bassi. Pur comprendendo appieno le difficoltá di chi non ha una grande disponibilità economica, si faccia attenzione a chi svende un intervento chirurgico. Che cosa c’è davvero dietro questo presunto risparmio? Materiali di bassa qualità? Sul serio c´è chi è disposto, per esempio, a farsi impiantare protesi al silicone scadenti? Eppure, faranno parte del proprio corpo per decenni. Per non parlare poi delle questioni solo apparentemente a corollario: chi si farebbe operare, quale che sia l’intervento, senza un anestesista, responsabile di farsi addormentare ma soprattutto risvegliare nei tempi e nei modi previsti? Oppure in strutture non idonee in termini igienico-sanitari? Dietro all’aura dei propri sogni, si annidano rischi molto grossi per la salute. Ognuno faccia giustamente i conti con le proprie tasche, ma si diffidi da prezzi davvero fuori mercato, perché amarsi significa correggere le proprie imperfezioni, ma anche scegliere di farsi operare in ospedali o in strutture convenzionate, da un professionista che abbia con sé un team preparato. La cronaca riporta invece di interventi eseguiti in ambulatori fuori norma o addirittura in alberghi, in assenza di un anestesista: quanto di più pericoloso per la salute, ma anche per la propria vita. La ricerca della bellezza non può né deve essere una scommessa ove ci si gioca la propria salute! Pagare il giusto allontana l’azzardo.

Diffidare poi dei chirurghi che danno l’impressione di favorire il proprio tornaconto ai veri bisogni del paziente. Il Professionista, quello vero, rispetta l’immagine a cui il Paziente aspira, senza proporre ulteriori cambiamenti. Se ci si vuole rifare il naso e ci viene proposta anche la liposuzione, meglio passare oltre. Il medico non puó e non deve essere un venditore.

Ok, ma come identificare il Professionista a misura delle proprie esigenze? Una volta ci si poteva basare sulle fotografie, il “book” del chirurgo plastico. Carta canta, no? Purtroppo no, non è cosí semplice. Perché oggi non è difficile presentare foto “ritoccate” o addirittura “prese in prestito” da altri chirurghi. Il consiglio è quindi di valutare il curriculum del Professionista, di navigare sulle sue pagine social, perché è possibile mistificare un’immagine, molto meno un ricco curriculum. E soprattutto, quando possibile, è bene affidarsi al passaparola: chi meglio di un’amica soddisfatta può garantire per la futura, propria soddisfazione?

Infine, massimo rispetto vada riconosciuto a quei professionisti seri che sono capaci di dire “no” ad un paziente che magari desidera un qualcosa che va oltre quello che dovrebbe essere il limite della chirurgia plastica. Fuori dalla sala operatoria, il chirurgo plastico è un consulente, un professionista della bellezza e dei suoi canoni, capace di personalizzare le scelte e di limitare con saggezza e gusto gli eventuali eccessi: chi non lo fa, antepone il lucro al vostro benessere. Scegliete con prudenza.

Si ringrazia il dottor Paolo Montemurro, specialista in chirurgia plastica, ricostruttiva ed estetica.

Sito internet | Pagina Facebook | Instagram | YouTube