SPONSOR UFFICIALE ANNO 2020 E ANNO 2021

13.09.2021 – Al 1° giugno 2021 in Svizzera si contavano 71 365 abitazioni vuote, ossia l’1,54% del patrimonio abitativo (case unifamiliari incluse). Rispetto all’anno precedente si registra pertanto una diminuzione di 7467 abitazioni vuote, pari al 9,5%. Si tratta del primo calo del tasso di abitazioni vuote da 12 anni a questa parte. Ecco alcuni risultati del censimento delle abitazioni vuote realizzato dall’Ufficio federale di statistica (UST).

Su base annua, il tasso di abitazioni vuote ha registrato un decremento di 0,18 punti percentuali, scendendo dall’1,72 all’1,54%. In sei Grandi Regioni su sette, al giorno di riferimento (1° giugno 2021) le abitazioni vuote erano meno numerose di un anno prima. Le diminuzioni più marcate della percentuale di abitazioni vuote rispetto all’anno precedente sono state osservate nelle Grandi Regioni della Svizzera orientale (dal 2,08 all’1,74%) e della Svizzera nordoccidentale (dall’1,96 all’1,64%). Soltanto il Ticino ha segnato un leggero aumento del tasso di abitazioni vuote rispetto all’anno precedente (+0,12 punti percentuali, salendo al 2,83%).  

Nel confronto intercantonale, il tasso minore è quello del Cantone di Zugo (0,34%). Sono rimasti al di sotto dell’1% anche i Cantoni di Ginevra (0,51%), Zurigo (0,72%), Grigioni (0,87%); Obvaldo (0,96%), Basilea Campagna (0,97%) e Svitto (0,99%). Complessivamente, a situarsi al di sotto della media svizzera erano 11 Cantoni. Nonostante un leggero calo, il Cantone di Soletta si è nuovamente piazzato in testa alla classifica svizzera del tasso di abitazioni vuote (3,15%), ed è anche stato l’unico Cantone a superare la soglia del 3%. Alte quote di abitazioni vuote sono state rilevate anche in Ticino (2,83%), Appenzello Interno (2,59%) e Giura (2,56%).

Meno abitazioni vuote disponibili sul mercato

In cifre assolute, rispetto al giorno di riferimento dell’anno precedente erano disponibili 7467 abitazioni vuote in meno. I Cantoni che hanno registrato i cali maggiori sono stati quelli di Argovia (–1724 unità), Berna (–1366) e Zurigo (–1331). Il maggior numero di abitazioni non occupate è stato tuttavia constatato nel Cantone di Berna (9312 unità). L’aumento più marcato delle abitazioni vuote disponibili sul mercato è stato rilevato in Ticino (+378 unità). In totale, i tassi di abitazioni vuote sono diminuiti in 16 Cantoni e aumentati nei rimanenti dieci.

Tra le abitazioni destinate alla vendita e alla locazione, il tasso di quelle vuote è in calo 

Al 1° giugno 2021, giorno di riferimento per la rilevazione, era offerto in locazione un totale di 60 775 abitazioni vuote, il che corrisponde a un calo di 5545 abitazioni in affitto (–8,4%) rispetto all’anno precedente. Significativo è il calo degli appartamenti di proprietà offerti (–15,4%). In totale, al giorno di riferimento erano destinate alla vendita 10 590 abitazioni vuote (–1922 unità).

Calo delle nuove abitazioni e delle case unifamiliari vuote 

Al 1° giugno 2021, in tutta la Svizzera erano destinate alla vendita o alla locazione duratura 7066 nuove abitazioni vuote (non più vecchie di due anni), ovvero 2261 in meno dell’anno precedente, pari a un calo del 24,2%. Rispetto all’anno precedente, al giorno di riferimento anche l’offerta di case unifamiliari vuote è diminuita di 1371 unità (–18,8%). Nel complesso, le case unifamiliari vuote in Svizzera al giorno di riferimento erano 5940.

Disponibili soprattutto abitazioni di tre o quattro locali

Rispetto al 1° giugno 2020, il numero di abitazioni vuote è calato per tutte le categorie (numero di locali), tranne che per quella dei monolocali. La categoria che ha registrato la diminuzione più netta è stata quella delle abitazioni da quattro locali e più (tra il –16,5 e il –20,7%). Soltanto il numero di monolocali è aumentato leggermente rispetto all’anno precedente (559 unità, ovvero il +9,2%). La maggior parte delle abitazioni vuote disponibili è composta da tre (24 029 unità) o quattro locali (18 919).