FrenchGermanItalian

Prodotto interno lordo: nel 3° trimestre 2022 l’economia interna favorisce la crescita

- Google NEWS -

Dopo un incremento dello 0,1 % registrato nel 2° trimestre 2022, il PIL è salito ancora dello 0,2 %*, incentivato dall’economia interna. Il settore dei servizi ha registrato una generale espansione, mentre il difficile contesto internazionale ha rallentato i settori industriali più sensibili all’andamento congiunturale.

Nonostante i tassi d’inflazione relativamente elevati, nel 3° trimestre la crescita dei consumi privati è stata nuovamente superiore alla media (+0,7 %). In particolare, hanno visto un’evoluzione positiva le spese per l’abitazione e l’energia, per il tempo libero, i viaggi e gli acquisti di generi non alimentari. A crescere sono stati anche il valore aggiunto del commercio al dettaglio e il commercio (+2,3 %), tornato a registrare un aumento sostanziale dopo quattro trimestri in negativo. L’industria alberghiera e della ristorazione ha continuato la sua ripresa (+2,8 %) dopo il crollo dovuto alla pandemia, sostenuta anche da un incremento del turismo straniero. Lo stesso vale per altri settori dei servizi, come quello della sanità (+0,7 %) e dei servizi alle imprese (+0,6 %), dove il valore aggiunto è aumentato in modo significativo. È calato invece nei servizi finanziari (−4,4%).

Anche gli investimenti in beni di equipaggiamento (+2,1 %) hanno contribuito alla solida crescita della domanda interna finale (+0,6 %). L’allentamento dei problemi di fornitura a livello internazionale ha favorito notevoli investimenti in veicoli; contemporaneamente sono saliti anche gli investimenti in informatica. Sulla scia della ripresa della domanda interna, sono aumentate considerevolmente anche le importazioni (+4,9%)**.

L’unica componente della domanda interna a subire una nuova flessione è stata quella degli investimenti in costruzioni (−2,0 %), in linea con il trend negativo del settore delle costruzioni (−2,2 %). Un calo del fatturato ha riguardato in particolare l’edilizia, ma anche il genio civile e i restanti lavori di costruzione.

Nel corso del 3° trimestre il valore aggiunto dell’industria manifatturiera ha fatto segnare un nuovo leggero calo (−0,2 %). Se da un lato, dopo due trimestri negativi, l’industria chimico-farmaceutica ha registrato un incremento sostanziale, altri settori hanno risentito in misura sempre maggiore del difficile contesto internazionale. Da segnalare inoltre il calo del valore aggiunto nei settori industriali più sensibili all’andamento congiunturale, da cui derivano, ad esempio, il calo delle esportazioni di macchinari e metalli. Il fatto che le esportazioni totali*** siano comunque cresciute fortemente (+5,9 %) è dovuto in gran parte a un’impennata del commercio di transito.

* Tasso di variazione reale rispetto al trimestre precedente. Al netto degli eventi sportivi, la crescita del PIL ammonta al 0,2 % nel 3° trimestre e al 0,1 % nel 2° trimestre 2022. Per maggiori informazioni sull’andamento trimestrale del PIL è possibile consultare le tendenze congiunturali sul sito www.seco.admin.ch/pil.
** Servizi e merci esclusi gli oggetti di valore. Al netto degli eventi sportivi: +4,6 %.
*** Servizi e merci esclusi gli oggetti di valore. Al netto degli eventi sportivi: +5,8 %

- Pubblicità -

Le imprese ti attendono

PuntoPittura, esperienza, professionalità, convenienza

Imbiancare la propria casa riflette un'esigenza profonda di rinnovamento. Quando si entra in una...

MC Traslochi – Operatori qualificati per un trasloco in tutta serenità

Piccoli e grandi traslochi non sono piu’ un problema da quando c’è MC Traslochi,...

SKYGREEN: LO SPAZIO VERDE BELLO E FUNZIONALE SENZA MANUTENZIONI

Prendersi cura di un prato è un impegno significativo, che richiede tempo, attrezzature e...