Nella seduta del 14 agosto 2019 il Consiglio federale è stato informato in merito alle consultazioni delle Commissioni dell’economia e dei tributi di entrambe le Camere riguardanti il rapporto sull’esecuzione del meccanismo di verifica che garantisce un’attuazione conforme allo standard dello scambio automatico di informazioni relative a conti finanziari. A seguito dei riscontri positivi forniti dalle Commissioni, nel settembre 2019 la Svizzera scambierà per la prima volta informazioni sui conti finanziari con i 33 Stati partner sottoposti a verifica.

Il 29 maggio 2019 il Consiglio federale ha approvato il rapporto concernente il meccanismo di verifica che garantisce un’attuazione conforme allo standard dello scambio automatico di informazioni relative a conti finanziari da parte di quegli Stati partner con cui la Svizzera scambierà per la prima volta dati sui conti finanziari nel settembre 2019. Il rapporto è poi stato trasmesso, per consultazione, dal Dipartimento federale delle finanze (DFF) alle competenti commissioni parlamentari, che hanno pertanto avuto modo di formulare eventuali raccomandazioni in merito agli Stati partner oggetto della verifica prima che venga effettuato il primo scambio di dati.

Le Commissioni dell’economia e dei tributi di entrambe le Camere hanno tenuto le consultazioni tra fine giugno e inizio luglio 2019. Nonostante le diverse questioni sollevate, le Commissioni hanno rinunciato a raccomandare al Consiglio federale di non trasmettere dati a determinati Stati partner. Il primo scambio di dati può quindi essere effettuato nel settembre 2019.

Il Consiglio federale verificherà periodicamente la situazione dei singoli Stati partner, così come disposto dal meccanismo di verifica. Le commissioni vengono informate regolarmente sullo stato di attuazione nei singoli Paesi. In presenza di irregolarità, il DFF, con il consenso del Consiglio federale, adotterebbe i provvedimenti del caso.