FrenchGermanItalian

Il Consiglio di Stato prende un avvocato. Partiti e media preoccupati per Argo

- Google NEWS -

Il Consiglio di Stato ha assunto un avvocato per occuparsi delle questioni penali legate ad Argo 1, si tratta di “Maria Galliani, che è stata incaricata di rappresentarlo quale accusatore privato nella parte di natura penale inerente alla vicenda Argo 1. Esso attende che si giunga ad avere una situazione consolidata sul piano penale prima di prendere decisioni di sua competenza di carattere amministrativo o disciplinare nei confronti dei funzionari coinvolti nella vicenda. Quanto alla parte più politica del caso, il Consiglio di Stato ricorda che il Gran Consiglio ha deciso di istituire una Commissione parlamentare d’inchiesta ad hoc, Commissione che allo stadio attuale è l’interlocutore istituzionale del Governo. Alla commissione sono stati trasmessi tutti gli atti necessari e richiesti affinché possa giungere al termine dei suoi lavori a redigere il suo rapporto all’intenzione del Parlamento”, dice una nota.

I quotidiani intanto negli editoriali non le hanno mandate a dire, chiedendo al Governo di darsi una mossa, in poche parole.  “L’incapacità del Consiglio di Stato di determinarsi su 18 pagine di un rapporto che è nelle mani dell’Esecutivo da prima di Natale è preoccupante. Oggi va detto forte e chiaro: Governo, se ci sei batti un colpo. Non si può dare torto ai partiti che sollecitano in tal senso i cinque ministri”, ha scritto sul Corriere del Ticino Gianni Righinetti, sottolineando le gravi responsabilità dei funzionari.

La Regione, con Matteo Caratti, attacca il PPD: “A fine giornata ecco però giungere un comunicato del PPD. Era ora! ci siamo detti. E per un attimo, lo confessiamo, ci siamo pure illusi: dài che ci siamo, ora arrivano le risposte al quiz”, prosegue, sottolineando però che il PPD null’altro fa che attaccare due funzionari ex PLR, senza citare coloro che “sono cavalli trainanti della loro parrocchia”.

I Verdi in una nota su Facebook si sono rivolti a Beltraminelli chiedendo le sue dimissioni: “C’è da chiedersi ora, alla luce di quanto emerso, che segnale vuole dare, Onorevole Beltraminelli, a tutte quelle persone che credono ancora nelle istituzioni? Quello di una classe politica etica, responsabile e dignitosa o di un sistema dove, citando Norberto Bobbio, “l’uomo politico può comportarsi in modo difforme dalla morale comune”? Riteniamo che sia arrivato il momento di limitare i danni ed assumersi finalmente gli oneri di un dipartimento che ha sbagliato in toto. La commissione parlamentare d’inchiesta e la magistratura accerteranno i fatti, ma l’etica impone un gesto forte da parte sua che faccia tornare fiducia nelle istituzioni e nei rappresentanti del popolo. Come direttore del Dipartimento della Sanità e Socialità, ha il dovere di assumersi la vera responsabilità di quello che succede all’interno del suo dipartimento e delle azioni dei suoi collaboratori. Dopo i recenti fatti la sua presa di responsabilità oggi non può più limitarsi ad una semplice ammissione di colpa. Gli occhi e le menti dei nostri giovani, dei suoi elettori, di tutti i cittadini ticinesi stanno aspettando che il capo del dipartimento affronti la realtà con un gesto di umiltà, onestà e coraggio. È necessario dimostrare che l’uomo politico non è un’entità a sé stante, ma che è ancora legato all’etica e sottostà alle leggi di tutti.
Onorevole Beltraminelli, confidiamo che lei possa capire l’urgenza di un passo in dietro come segno etico di responsabilità civile nei confronti di tutti i cittadini ticinesi”.

Matteo Pronzini intanto ha chiesto al Consiglio di Stato le dimissioni di Beltraminelli e  ha fatto notare come a suo avviso, fogli alla mano, il Consiglio di Stato si sia appropriato senza base legale di 1,8 milioni di franchi.

 

- Pubblicità -

Le imprese ti attendono

Pero-Press AG – stampaggio a caldo e lavorazioni meccaniche di precisione

La metallurgia è un settore che ha assistito a un'evoluzione tecnologica importante. Nel corso...

PIZZAROTTI SA – Costruttori di certezze!

Da più di 25 anni presenti nel territorio svizzero siamo orientati e preparati alle...

ORTHOCARE SWISS SAGL: QUANDO LA VOCAZIONE PER LA SALUTE DIVENTA BUSINESS

ORTHOCARE SWISS SAGL nasce dall’idea imprenditoriale di Sonia e Tommaso, fondatori della società che,...