SPONSOR UFFICIALE ANNO 2020 E ANNO 2021

Il progetto preliminare per il controllo dei supporti elettronici di dati ai fini dell’accertamento dell’identità ha trovato il sostegno della maggioranza dei partecipanti alla consultazione. La Commissione delle istituzioni politiche del Consiglio nazionale (CIP-N) sottopone ora alla propria Camera la pertinente modifica della legge sull’asilo.

In adempimento dell’iniziativa parlamentare 17.423 n (Iv. Pa. Rutz Gregor. Obbligo di collaborare dei richiedenti l’asilo e possibilità di controllare i loro cellulari), con 13 voti contro 8 e 2 astensioni la CIP-N ha adottato un progetto di modifica della legge sull’asilo che conferisce alla Segreteria di Stato della migrazione (SEM) maggiori competenze per controllare i supporti mobili di dati ai fini dell’accertamento dell’identità. L’obbligo di collaborare fatto ai richiedenti l’asilo viene dunque esteso a questo settore. La maggioranza della Commissione ritiene che la valutazione dei supporti mobili di dati, come cellulari o tablet sia un metodo efficace per ricavare informazioni sull’identità di una persona. Una minoranza della Commissione chiede invece di non entrare in materia sul progetto, ritenendo che l’ingerenza nei diritti fondamentali della persona interessata sia sproporzionata. Inoltre, a suo parere, il progetto non soddisfa sufficientemente i requisiti legali in materia di protezione dei dati e le misure sono troppo onerose.

La maggioranza dei partecipanti alla consultazione, svoltasi dal 20 febbraio al 4 giugno 2020, condivide il progetto preliminare. 24 Cantoni lo sostengono di principio mentre il Cantone di Neuchâtel lo ha respinto. I partiti favorevoli al progetto preliminare sono l’UDC, il PLR e il PPD, i contrari sono viceversa il PS e i Verdi. La stragrande maggioranza delle altre cerchie interessate ha invece respinto il progetto preliminare. La Commissione ha ora ripreso nel suo progetto le raccomandazioni scaturite dalla consultazione, in particolare per quanto riguarda la protezione dei dati.

Sul progetto dovrà ora esprimersi il Consiglio federale prima della trattazione da parte della Camera presumibilmente durante la sessione primaverile.

Sono stati pubblicati oggi il rapporto sui risultati della consultazione e il progetto definitivoCambio formato della Commissione.

Presieduta dal consigliere nazionale Andreas Glarner (V, AG), la Commissione si è riunita a Berna il 15 e 16 ottobre 2020.