SPONSOR UFFICIALE ANNO 2020 E ANNO 2021

Sabato 16 marzo 2019, intorno alle ore 16.00, lungo la strada dell’Engadina si è verificata una caduta di massi per un volume di circa 800 metri cubi. Di conseguenza la strada dell’Engadina tra Martina e Ovella rimarrà completamente chiusa al traffico per diverse settimane. È segnalata una deviazione attraverso Nauders (A) e Pfunds (A).

A seguito della caduta di massi, su una lunghezza di circa 20 metri la strada dell’Engadina tra Martina e Ovella è stata sommersa da masse rocciose che raggiungono a tratti un’altezza di 8 metri. Non sono state coinvolte persone. Singoli blocchi presentano un volume di diverse centinaia di metri cubi. Secondo lo stato attuale delle conoscenze, il blocco di cavi, tra cui anche cavi delle linee di telecomunicazione, posato sotto la sede stradale non ha subito danni o ha subito solo danni lievi. 

Ci si attende che la caduta di massi abbia provocato danni importanti alla strada. Attualmente sono in corso i necessari accertamenti geologici relativi ai lavori da effettuare. Stando alle prime valutazioni, la caduta di massi è stata originata dalle forti precipitazioni degli scorsi giorni nonché dagli attuali cicli di gelo e disgelo. Al fine di mettere in sicurezza la zona di stacco nonché per permettere i lavori di sgombero e di sistemazione, che richiedono anche il brillamento di singoli blocchi di roccia, è necessario chiudere il tratto stradale per diverse settimane. 

Caduta di massi tra Martina e Ovella