FrenchGermanItalian

La violenza non serve in Ticino

- Google NEWS -

Per nostra fortuna in Svizzera viviamo in una società civile, democratica e tollerante, nella quale a tutti è concesso esprimere le proprie opinioni. È il buon senso comune che impone di non oltrepassare quei limiti universali legati alla violenza o a ogni genere di discriminazione.

Purtroppo con l’ignobile vignetta apparsa sull’ultimo numero del “Mattino della domenica”questi limiti sono stati ampiamente superati!

Ci siamo forse tutti abituati a un tale male andazzo? Si può tacere, e dunque acconsentire, oppure dire basta a tutta questa violenza!
Non ci sono giustificazioni possibili, anche se l’ignobile vignetta è apparsa su di un settimanale di partito che ha fatto dell’insulto gratuito e rancoroso la propria bandiera.

Invitiamo pertanto il direttore Lorenzo Quadri a voler fare un passo indietro e a presentare le proprie pubbliche scuse.

Ed esprimiamo la nostra umanasolidarietàe il nostro sostegno convinto al nostro valido Consigliere di Stato Paolo Beltraminelli e ai suoi famigliari.

E ci auguriamo di non essere gli unici a volerlo fare: che si faccia finalmente sentire anche chi per la Lega ricopre cariche istituzionali a Lugano e in Governo.

Non è così che si fa politica! Non è così che si migliorano la nostra Città e il nostro Cantone!

Le critiche, anche aspre, possono servire. La violenza non serve a nulla!

A nome della Sezione PPD e GG Lugano
il presidente Angelo Petralli

- Pubblicità -

Le imprese ti attendono

STYLE ME DI BOTTONI PAOLA – IL TUO PARRUCCHIERE A LUGANO

Avere un’immagine curata è sempre fonte di sicurezza e benessere. L’autostima ne beneficia e...

FRIEDEN SA: ESPERIENZA SECOLARE NELLA LAVORAZIONE AD ALTA PRECISIONE DELLE PIETRE

Ci sono settori in cui l’esperienza ha un valore incredibilmente importante, perché permette di...

Ferrari segnaletica – Prodotti per la sicurezza e l’edilizia

In tutte le nostre strade ci sono degli elementi di cui non potremmo farne...