FrenchGermanItalian

A Mendrisio il PLR presenta Cavadini. Si inizia a discutere sul salario minimo ma nessuno cambia idea

- Google NEWS -

Prime discussioni in Commissione della Gestione in merito al salario minimo: fra poco la commissione stessa dovrà entrare in materia del messaggio governativo. Nessuno però, né le parti economiche né i sindacati, hanno intenzione di muoversi dalle proprie posizioni, ed anzi UNIA non nasconde di pensare già ad un possibile referendum.

Intanto, oggi sia il Partito socialista che i Verdi hanno espresso solidarietà ai colleghi giornalisti dell’ATS, che hanno intrapreso uno sciopero che per ora non paiono intenzionati a terminare. “I Verdi del Ticino esprimono massima solidarietà alle lavoratrici e lavoratori dell’agenzia telegrafica svizzera. L’informazione in questo paese ha bisogno di professionalità e qualità e l’esperienza delle collaboratrici e collaboratori ats sono fondamentali per un’informazione libera ed equilibrata. L’informazione non deve sottostare alle logiche di mercato e degli interessi degli azionisti”, si legge, mentre i socialisti sottolineano l’importanza dell’ATS in Svizzera: “lo smantellamento è un grave attacco alla qualità e alla pluralità dell’informazione che mette rischio numerosi posti di lavoro qualificati”.

I socialisti hanno parlato anche della situazione della Six Group, “una chiusura e dei licenziamenti che non possono essere accettati, tanto più che Six Group ha preso questa decisione dopo avere acquisito Aduno, una società che nel 2016 ha generato un utile netto di 75 milioni di utili e che al 1. settembre 2017 ha indicato 45 milioni di utile! Una chiusura ingiustificata, dettata dalla volontà di ottenere sempre maggiori profitti e massimizzare i dividendi per gli azionisti, che significa anche un’importante perdita di posti di lavoro qualificati, occupati interamente da residenti, per il nostro Cantone!”.

Il Sindacato Indipendente degli Studenti e degli Apprendisti denuncia un grave caso di comportamenti scorretti da parte dei superiori dell’esercito: una recluta sarebbe stata costretta, a Coira, a correre seminuda davanti ai compagni per punizione. Sarebbero stati puniti anche altri giovani soldati, a causa di un diverbio durante una libera uscita, con un superiore che avrebbe detto “domani vi faccio morire”.

I Giovani Comunisti hanno subito chiesto l’apertura di un’inchiesta, per abbattere il muro di omertà.

A Mendrisio il PLR ha annunciato che presenterà un solo candidato alla carica di sindaco, e non si tratta di Samuel Maffi, veterano del Municipio, bensì di Samuele Cavadini. Il partito ritiene che dopo anni con la stessa guida il popolo debba scegliere chi vuole come sindaco, e auspica un cambiamento, doti che vede incarnate dal giovane Municipale.

Per contro, la Lega non dovrebbe presentare nessuno. Daniele Caverzasio ha detto che “partendo dal fatto che sono in Municipio soltanto da due anni e che mi sento, se mi consentite il termine, ancora un apprendista, ritengo che i tempi non siano ancora maturi per una mia candidatura, anche perché sarei solo contro le altre due forze in gioco”. Ma fra due anni, ha fatto intendere, correrà anche lui per la poltrona di sindaco. Per ora, sarà Cavadini contro Romano.

- Pubblicità -

Le imprese ti attendono

Estetica Munay Grono – La Qualità è saper scegliere…….. centro estetico e podologia

Ci troviamo a Grono in una splendida location, questo è lo studio di una...

Farmacia Centrale Cadenazzo – L’importanza di una farmacia organizzata e ben fornita

Le farmacie sono quei luoghi dove la gente va a rifornirsi di medicine prescritte...

Hotel La Campagnola di Vairano – Un paradiso affacciato sul Verbano dove l’ospite è sempre coccolato

All’Hotel La Campagnola di Vairano il turista è re, ma non mancano le proposte...