Nel giugno 2019 l’indice dei prezzi al consumo (IPC) è rimasto stabile rispetto al mese precedente, attestandosi a 102,7 punti (dicembre 2015 = 100). Rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, il rincaro è stato dell’0,6%. È quanto emerge dai risultati dell’Ufficio federale di statistica (UST).

La stabilità dell’indice rispetto al mese precedente è il risultato di tendenze opposte che si sono compensate a vicenda. I prezzi dell’olio da riscaldamento e della frutta con nocciolo sono scesi. Hanno invece registrato un aumento i prezzi dei viaggi forfetari internazionali, come pure quelli degli ortaggi.

Maggiori dettagli: http://www.ticino-politica.ch/wp-content/uploads/2019/07/2019-0143-i.pdf