Pubblicità

La Commissione della politica di sicurezza del Consiglio nazionale propone all’unanimità di approvare una modifica della legge sul controllo dei beni a duplice impiego al fine di disciplinare l’esportazione di beni per la sorveglianza di Internet e delle comunicazioni mobili (18.060). Essa ha respinto diverse proposte di più ampia portata.

Senza opposizioni, la Commissione è entrata in materia sul progetto e ha concluso la deliberazione di dettaglio. Essa ritiene necessario trasporre nel diritto ordinario l’ordinanza sull’esportazione e l’intermediazione di beni per la sorveglianza di Internet e delle comunicazioni mobili, la cui validità è limitata nel tempo.

Nella deliberazione di dettaglio la maggioranza della Commissione ha aderito alla proposta del Consiglio federale. Essa ritiene che la disposizione proposta sia sufficientemente dettagliata, mentre altri criteri potrebbero comportare difficoltà di attuazione. Ha respinto diverse proposte volte a inasprire le condizioni d’esportazione e in particolare:

  • la richiesta di negare le autorizzazioni se vi è motivo di ritenere che nel Paese d’importazione potrebbero essere violati i diritti fondamentali o esercitate repressioni (art. 6 cpv. 1bis lett. c (nuovo), respinto con 18 voti contro 7);
  • tre richieste di introdurre: condizioni d’esportazione inerenti ad altre leggi; prestazioni di consulenza in materia; criteri supplementari concernenti i destinatari finali (art. 6 cpv. 3, respinto con rispettivamente 15 voti contro 10 e 17 voti contro 8).

Ognuna di queste proposte è stata sostenuta da una diversa minoranza. Nella votazione sul complesso il progetto è stato adottato all’unanimità. Ancora lo scorso aprile la maggioranza della Commissione aveva proposto alla propria Camera di sospendere la trattazione dell’oggetto per raccogliere dapprima ulteriori esperienze con l’ordinanza. Nella sessione estiva 2019 il Consiglio nazionale ha però seguito la minoranza e respinto la proposta di sospensione.

Il Consiglio nazionale riprenderà probabilmente la trattazione dell’oggetto nella sessione primaverile.

Pubblicità