L’UFSP e la Posta svizzera intendono rendere più visibile l’app SwissCovid in tutta la Svizzera. L’app informa gli utenti sugli eventuali contagi, aiutando così a contenere il nuovo coronavirus. Quante più persone utilizzeranno l’app, tanto più questa diventerà efficace.

Dal 19 ottobre 2020, per due settimane, i collaboratori della Posta presenteranno l’app SwissCovid ai propri clienti nelle rispettive filiali. La Posta continuerà a offrire consulenza e sostegno per installare l’app. Con quest’azione, l’UFSP e la Posta vogliono informare nuove persone sull’app e sul suo funzionamento. Lo scopo è di incrementare l’utilizzazione dell’app SwissCovid tra la popolazione. Questa collaborazione intende fornire un contributo importante al contenimento della pandemia di COVID-19.

Scopo dell’azione

L’app SwissCovid, l’applicazione ufficiale per il tracciamento dei contatti, è stata lanciata nel giugno di quest’anno. L’app informa gli utenti sugli eventuali contagi, aiutando così a contenere il nuovo coronavirus. Quante più persone utilizzeranno l’app, tanto più questa diventerà efficace. La Posta sosterrà l’UFSP nel diffondere l’app. Lo scopo dell’azione è di far conoscere il più possibile l’app tra la popolazione. Già nel luglio scorso era stata avviata una fase pilota di una settimana in alcune filiali scelte. Le valutazioni hanno mostrato che c’è del potenziale per motivare un numero maggiore di persone all’utilizzazione dell’app SwissCovid. Pertanto, il 19 ottobre 2020 avrà luogo un’azione di due settimane a livello nazionale, che coinvolgerà 946 filiali della Posta.

Dimensione del partenariato

Durante due settimane, i collaboratori della Posta presenteranno l’app ai propri clienti nelle rispettive filiali, mettendosi a disposizione per installarla. Un video trasmesso sugli schermi delle filiali della Posta spiegherà il funzionamento dell’app SwissCovid, informando le persone interessate che, in caso di domande o problemi d’installazione, potranno rivolgersi ai suoi collaboratori.

L’azione è destinata soprattutto alle persone che hanno meno familiarità con gli aspetti tecnici. Grazie alla consulenza offerta dalla Posta, anche queste persone accederanno a uno strumento d’aiuto importante per contenere la pandemia.