Statistica delle casse pensioni: risultati definitivi 2018.

Nel complesso, le casse pensioni sono sopravvissute ai deboli mercati azionari del 2018. Lo scioglimento del 40% delle riserve di fluttuazione di valore disponibili ha consentito di compensare in ampia misura il risultato netto negativo degli investimenti patrimoniali. Il deficit di copertura è aumentato del 20%. Questo è quanto emerge dai risultati definitivi della statistica delle casse pensioni del 2018, realizzata dall’Ufficio federale di statistica (UST).

La correzione dei mercati finanziari, soprattutto verso la fine del 2018, si è riflessa sugli investimenti delle casse pensioni. La parte azionaria, infatti, è scesa al 27,9% della somma di bilancio, portandosi nuovamente al di sotto di quella obbligazionaria (31,4%). Gli immobili, con una percentuale del 20,3%, si sono collocati ancora al terzo posto. Il risultato netto degli investimenti patrimoniali si è chiuso con –25,5 miliardi di franchi. Di conseguenza, sul fronte dei passivi sono stati sciolti 34 miliardi di franchi delle riserve di fluttuazione di valore che, rispetto all’anno precedente, sono diminuite dal 9,5% al 5,8% della somma di bilancio nel 2018, ovvero 50,8 miliardi di franchi. Pertanto, per la maggior parte delle casse pensioni, il meccanismo della costituzione di riserve a lungo termine ha compensato le oscillazioni temporanee dei mercati finanziari.

Crescita del deficit di copertura

Il deficit di copertura è aumentato portandosi a 38,6 miliardi di franchi. La maggior parte di tale copertura insufficiente è coperta da garanzie pubbliche. Per i 72 istituti di previdenza di diritto pubblico e i 1490 istituti di previdenza di diritto privato, il deficit di copertura è cresciuto rispettivamente di 3,2 e 3,1 miliardi di franchi. La somma di bilancio delle 1562 casse pensioni ammontava a 875,8 miliardi di franchi (–2,1%).

Persone assicurate e prestazione di vecchiaia

La statistica delle casse pensioni contava 4,2 milioni di persone assicurate attive (+1,6%), 2,4 milioni delle quali erano uomini e 1,8 milioni donne. 305 684 donne e 492 870 uomini che hanno beneficiato di rendite di vecchiaia hanno ricevuto in media 28 947 franchi all’anno. Al momento del pensionamento, 15 556 donne e 26 568 uomini hanno richiesto un totale di 8 miliardi di franchi (+9,4%) in forma di versamento di capitale totale o parziale. Il valore medio del prelievo delle prestazioni sotto forma di capitale ammontava intorno a 189 751 franchi (2017: 188 842 franchi; +0,5%).