La Commissione cerca propone alla Direzione del Partito di sottoporre ai delegati dell’UDC Svizzera l’elezione del Consigliere agli Stati ticinese e Vicepresidente dell’UDC Marco Chiesa quale nuovo Presidente del Partito, in occasione della prossima Assemblea che si terrà il 22 agosto 2020 a Brugg.

Marco Chiesa è stato fin dall’inizio del processo di selezione uno dei candidati preferiti dalla commissione, ma, a fine febbraio, egli ha declinato per motivi professionali, in quanto la sua posizione di Direttore di un centro intergenerazionale con oltre 80 dipendenti escludeva un suo ulteriore impegno quale Presidente dell’UDC. Nel frattempo, dopo 15 anni di attività, egli ha rassegnato le dimissioni per intraprendere un nuovo orientamento professionale. Questa scelta personale ha dunque reso possibile la sua candidatura alla presidenza del Partito, cosa che ha accettato con entusiasmo.

Marco Chiesa è uno dei più giovani rappresentanti del Consiglio degli Stati ed è un candidato convincente con una chiara visione politica che pone al centro il benessere della Svizzera e della sua popolazione.

Marco Chiesa ha rivestito tutti i ruoli istituzionali per l’UDC in Ticino, prima nel Consiglio comunale del piccolo comune di Villa Luganese, poi nel Consiglio comunale di Lugano dopo la fusione con la Città di Lugano, e infine nel Gran Consiglio ticinese, dove è stato pure capogruppo. Dal 2015 al 2019 ha fatto parte del Consiglio nazionale e 10 mesi fa è stato brillantemente eletto al Consiglio degli Stati dalla popolazione del suo Cantone. Egli è anche uno dei tre Vicepresidenti dell’Unione Democratica di Centro.

La Commissione cerca si rallegra di questa favorevole costellazione e considera un grande vantaggio il fatto che il futuro Presidente del Partito provenga dalla Svizzera latina, poiché nel prossimo mandato egli si occuperà in particolar modo di rafforzare l’UDC nella Svizzera romanda.

Quale ticinese e dunque rappresentante di un Cantone di confine, Marco Chiesa si batte da anni contro l’immigrazione incontrollata, gli ingorghi stradali, l’aumento dei prezzi degli immobili, la concorrenza sleale sul mercato del lavoro, la pressione sui salari e sui dipendenti residenti più anziani e l’aumento della criminalità – insomma contro tutte le conseguenze negative della libera circolazione delle persone. Marco Chiesa è un convinto sostenitore dell’indipendenza del nostro Paese ed è profondamente contrario a legami istituzionali della Svizzera con l’UE a mezzo di un accordo quadro. Egli è quindi garante del fatto che queste questioni centrali per il Partito continueranno a determinare la politica dell’UDC Svizzera nell’attuale legislatura.

Marco Chiesa è sposato e padre di due figli. Ha completato i suoi studi in economia aziendale all’Università di Friburgo. Di lingua madre italiana, parla correntemente il francese e bene il tedesco.

Con Marco Chiesa, l’UDC Svizzera è ben preparata per il futuro!

In occasione di diverse riunioni, la Commissione cerca dell’UDC Svizzera ha svolto colloqui con tutte le candidate e i candidati proposti oltre che con altre personalità interessate. La Commissione tiene a ringraziare sentitamente tutte queste persone per la loro disponibilità a contribuire alla ricerca di una nuova presidenza per il Partito.