Per prevenire e combattere la povertà, la Confederazione dovrebbe introdurre  un sistema di monitoraggio. È quanto chiede una mozione approvata oggi per 24 voti a 8 dal Consiglio degli Stati. Il Nazionale deve ancora esprimersi.

Il monitoraggio a livello nazionale dovrebbe basarsi su dati federali e cantonali già esistenti e includere una valutazione degli indicatori di povertà. I risultati dovrebbero essere presentati al Parlamento sotto forma di una rapporto ogni cinque anni. Questo documento dovrebbe confrontare la situazione nei Cantoni e analizzare le misure in vigore.

Il Consiglio degli Stati ha approvato la proposta nonostante l’opposizione del consigliere federale Alain Berset. Pur non negando l’esistenza della povertà in Svizzera – che interessa quasi il 10% della popolazione – Berset ha fatto riferimento ai risultati del Programma nazionale per la prevenzione e la lotta alla povertà condotto dal 2014 al 2018. Inoltre, l’Ufficio federale di statistica calcola già indicatori di povertà per l’intera Svizzera e pubblica i relativi rapporti.

Oltre alla mozione, il plenum ha adottato un postulato con 25 voti a 7 che chiede al Consiglio federale di esaminare l’opportunità di proseguire il programma. In particolare, dovrà stabilire in che modo la formazione/istruzione potrebbe ridurre il rischio di povertà tra i giovani e i giovani adulti.