Nella sua seduta del 3 luglio2019 il Consiglio federale ha approvato nuove convenzioni di attuazione del programma «Sviluppo futuro dell’infrastruttura ferroviaria» (SIF) con le FFS e BLS. Con questa approvazione viene sbloccato complessivamente un miliardo di franchi per progetti infrastrutturali. Oltre 880 milioni serviranno a finanziare interventi di adeguamento e ammodernamento nella stazione di Losanna.

La stazione di Losanna deve essere sottoposta a interventi generali di adeguamento per poter ampliare l’offerta secondo i piani. Tra le misure di ampliamento dell’offerta previste rientra il raddoppio del numero dei posti a sedere sulla tratta Losanna – Ginevra, già fortemente sfruttata. A tal scopo occorre allungare tutti i marciapiedi dei binari fino a 420 metri, costruire nuovi sottopassi e accessi pedonali e sostituire la tecnica ferroviaria. I costi di queste misure a Losanna, che verranno finanziate dalla Confederazione nell’ambito della decima convenzione di attuazione SIF con le FFS, ammontano a circa 887 milioni di franchi (prezzi a marzo 2019, IVA inclusa).

La convenzione con le FFS prevede anche di destinare circa 115 milioni di franchi a lavori di ampliamento lungo le tratte Losanna – Bienne – Olten, Basilea – Olten – Lucerna e Winterthur – San Gallo. Tra i progetti di maggiore portata figura l’ampliamento dell’entrata e dell’uscita nelle stazioni di Neuchâtel, Lucerna e Wil. Il denaro restante verrà investito per migliorare la tecnica ferroviaria tra Bienne e Lengnau.

Nell’ambito della seconda convenzione di attuazione SIF con BLS verranno finanziati due progetti sulle tratte Berna – Belp – Thun e Spiez – Interlaken. Da una parte, BLS amplierà il luogo d’incrocio e riammodernerà la tecnica ferroviaria all’altezza di Leissigen, per un costo totale di quasi 50 milioni di franchi; dall’altra, la tratta a binario semplice tra Uetendorf e Lerchenfeld, nella Gürbetal, verrà trasformata in doppio binario (36 mio. fr.).

Il SIF è la prosecuzione del programma Ferrovia 2000. Nel 2008 il Parlamento ha stanziato 5,4 miliardi di franchi (al netto del rincaro e dell’IVA) per la sua realizzazione. Comprese le suddette convenzioni, ad oggi è stato sbloccato il 90 per cento dei fondi a disposizione attraverso contratti con i gestori dell’infrastruttura. Gli ampliamenti previsti nel SIF sono strettamente collegati alla fase di ampliamento 2025. Entrambi i programmi sono parte integrante del progetto di finanziamento e ampliamento dell’infrastruttura ferroviaria (FAIF), accolto nella votazione popolare del 2014.

Pubblicità