SPONSOR UFFICIALE ANNO 2020 E ANNO 2021

Il comitato per il NO a una legge sulla caccia inaccettabile avrebbe voluto vedere un approccio ponderato alla convivenza con il lupo. Tuttavia, la revisione equivale a un attacco del tutto incomprensibile a molte specie animali protette. In un momento in cui la biodiversità è in declino! L’abolizione dei poteri federali sulla caccia agli animali protetti e nuove formulazioni legislative poco chiare compromettono la certezza del diritto e favoriscono decisioni arbitrarie. La legge mina anche la protezione delle foreste di montagna e dell’agricoltura.

Nessun membro del comitato per il NO – nessun sostenitore della caccia o della protezione della natura, della foresta o della silvicoltura, un parlamentare di qualsiasi credo politico (VERDI, Verdi Liberali, PEV, PS, rappresentanti del PLR), sarebbe in disaccordo con una legge che preveda la nostra convivenza con il lupo in modo equilibrato. “Il Parlamento si è però impigliato”, ha dichiarato Niklaus Gugger, consigliere nazionale PEV (ZH), in occasione della conferenza stampa della commissione NO a Berna: “Invece di disciplinare la convivenza con il lupo in modo pragmatico, la nuova legge indebolisce la protezione delle specie in Svizzera. Si tratta di un attacco a mammiferi e uccelli protetti”. Con questa legge sulla caccia inaccettabile, linci, castori, cigni muti, aironi cinerini, lupi e lontre rischiano di essere uccisi. E le specie in via di estinzione, come il gallo cedrone, la pernice bianca, la beccaccia e la lepre non sono ancora protette.

Indebolimento della protezione delle specie e incertezza giuridica
Il fatto che la legge consenta ora di regolamentare il tiro anche nei luoghi di protezione della fauna selvatica, dimostra quanto la revisione della legge sulla caccia e la protezione dei mammiferi e degli uccelli selvatici si sia allontanata da una regolamentazione equilibrata tra caccia e protezione. “La legge di fatto consente possibilità illimitate di uccidere”, conclude Daniel Jositsch, avvocato e consigliere di Stato (ZH). Con l’abolizione dell’autorizzazione federale per l’abbattimento delle specie protette, la legge, secondo Jositsch, offusca i livelli di protezione delle specie animali in pericolo, rendendo impossibile una protezione sostenibile delle specie rare al di là dei confini cantonali e nazionali. Poiché gli animali selvatici non si attengono ai confini cantonali, la protezione delle specie in pericolo è quindi messa in discussione.

Rafforzare la protezione della mandria invece di regalare il colpo come soluzione
La protezione delle mandrie nelle Alpi svizzere è ancora agli inizi. Gli allevatori devono sostenere la metà dei costi aggiuntivi (principalmente a causa dell’aumento dei costi del personale). In molti luoghi, questo è aggravato dalla negligenza e dall’ignoranza. Kurt Fluri (SO), consigliere nazionale del FRP, spiega: “Invece di difendere gli interessi degli allevatori di alpeggi e di rafforzare realmente la protezione delle mandrie a tutti i livelli, le associazioni di allevatori stanno cercando di venderci quest’inaccettabile legge sulla caccia come la soluzione”. Ciò che lo disturba è anche il fatto che un abbattimento potrebbe in futuro essere giustificato dalla semplice supposizione che gli animali possano causare danni, anche se questi non sono particolarmente gravi.

Concretizzare la caccia al gallo cedrone, alla pernice bianca e alla lepre europea
Se una legge ci viene venduta in nome di una “maggiore protezione della fauna selvatica” o per “proteggere meglio le specie autoctone e i loro habitat”, si tratta di misurare tale affermazione rispetto ai fatti. Secondo Claire Richard, deputato cantonale di Green’libéraux (VD), è contraddetta dalla caccia al gallo cedrone o alla pernice bianca, che è ancora autorizzata – e dai trofei che gli vengono assegnati. Questa revisione è un’occasione mancata per regolamentare la caccia agli animali in via di estinzione e più in generale per rafforzare la protezione delle specie nello spirito dei tempi.

Dire no nell’interesse delle foreste di montagna e della protezione
Attualmente, i forestali devono fare un lavoro enorme e prendere misure (a 6 cifre) per proteggere i giovani alberi dalla voracità degli ungulati selvatici. Ciò richiede – soprattutto nelle regioni alpine – migliaia di recinti e chilometri di recinzioni. Potrebbe essere diverso. Christophe Clivaz, consigliere nazionale dei Verdi (VS), sottolinea il ruolo positivo dei cacciatori indigeni come la lince e il lupo, che regolano gli ungulati in modo naturale. Lupo e lince assicurano così il ringiovanimento della natura, nonché la biodiversità e la robustezza delle nostre foreste montane. Molti forestali e silvicoltori, la Società Forestale Svizzera e rinomati rappresentanti della silvicoltura di montagna si impegnano a favore del NO. “Redigere una legge che indebolisce la protezione della biodiversità è irresponsabile”, dice Clivaz.

Controverso anche tra i cacciatori
Un esempio tra gli altri: il prolungamento del periodo di protezione delle beccacce – presentato dal Consiglio federale come un miglioramento – riguarda esattamente 30 giorni, quando solo il 4% delle beccacce viene cacciato. Affinché la beccaccia svizzera sia protetta dai cacciatori svizzeri, questo periodo dovrebbe essere notevolmente più lungo. Greta Gysin, consigliere nazionale, i VERDI (TI), aggiunge: “La legge sulla caccia è osteggiata da molti cacciatori responsabili che si preoccupano di preservare l’equilibrio naturale. Permettendo l’abbattimento di animali protetti e la caccia alle specie in via di estinzione, questa legge fallimentare scredita qualsiasi cacciatore responsabile. “La legge sulla caccia, così come ci viene presentata, non è un compromesso. È una regressione”.

Un NO del 27 settembre, insiste il comitato, è nell’interesse di tutta la Svizzera. Questo spiana la strada a una legge sulla caccia progressista e veramente protettiva. Come rappresentante di un cantone alpino, Christophe Clivaz lo dice chiaramente: “Non si tratta di opporre la popolazione urbana alla popolazione rurale o alla comunità di caccia, ma di opporsi a una legge che danneggia l’intero paese, perché significa una regressione nella protezione delle specie.

Interventi di Christophe Clivaz, Kurt Fluri, Niklaus Gugger, Greta Gysin, Daniel Jositsch e Claire Richard

Link e citazioni