Nella sua seduta odierna, il Consiglio nazionale ha:

– Covid: ritenuto che serva una soluzione globale in merito agli affitti dovuti ai proprietari dai gestori di attività commerciali, rimaste chiuse durante il lockdown di primavera ordinato dal Consiglio federale per arginare la pandemia di coronavirus. Con 91 voti a 89 è quindi entrato in materia sul relativo disegno di legge, che va ora in commissione per l’esame particolareggiato;

– Lamal: approvato un pacchetto di misure volto a contenere i costi del sistema sanitario. Questo si concentra in particolare sui farmaci generici, molto più cari in Svizzera rispetto all’estero, ma anche sulla possibilità degli assicuratori di realizzare utili in un campo specifico. La Camera vuole anche aumentare la quota di mercato dei generici intervenendo sulla parte destinata alla distribuzione per rendere più attrattivi i medicamenti più economici. In questo contesto ha approvato una mozione sulla questione. Il dossier va agli Stati;

– Bullismo: approvato, con 101 voti contro 76 e 3 astenuti, una mozione di Yvonne Feri (PS/AG) che chiede di avviare una campagna nazionale per lottare contro il bullismo e il ciberbullismo. Gli Stati devono ancora esprimersi;

– Antibiotici: approvato, con 96 voti contro 78 e 4 astenuti, una mozione dell’ex consigliera nazionale Bea Heim (PS/SO) che chiede al governo di eliminare gli incentivi che possono condurre a un uso evitabile di antibiotici nella medicina veterinaria. Gli Stati devono ancora esprimersi;

– Ospedali 1: approvato, con 93 voti contro 87, una mozione del gruppo PLR che chiede di ricompensare finanziariamente (sconti sui premi, esenzione dalla partecipazione ai costi o misure simili) i pazienti che scelgono un ospedale economico. Gli Stati devono ancora esprimersi;

– Ospedali 2: approvato all’unanimità una mozione di Ruth Humbel Näf (PPD/AG) che chiede una base legale per proteggere la confidenzialità dei sistemi di apprendimento e di segnalazione utilizzati negli ospedali, come per esempio il CIRS (Critical Incident Reporting System), le revisioni paritarie, i circoli di qualità, gli audit clinici e le conferenze mortalità e morbilità (MoMo). Questo permetterà di garantire che gli eventi documentati per scopi di apprendimento non possano essere utilizzati dai tribunali. È inoltre importante separare questi sistemi dalle cartelle cliniche e da eventuali registri degli incidenti gravi. Gli Stati devono ancora esprimersi.

ORDINE DEL GIORNO DI DOMANI, VENERDÌ 30 OTTOBRE (08.00-13.00 E 15.00-18.00):

– Legge sulle fideiussioni solidali COVID-19;

– interventi parlamentari di competenza del DFF;

– iniziative cantonali;

– “Normativa volta a instaurare la trasparenza in materia di lobbismo nel Parlamento federale”;

– interventi parlamentari di competenza del DFGP.