Con 7 voti contro 2 e 2 astensioni la Commissione dei trasporti e delle telecomunicazioni del Consiglio degli Stati (CTT-S) ha accolto una mozione (20.4328) che chiede una legge sulla gestione politica e l’alta vigilanza delle imprese con un mandato di servizio universale al fine di garantire un servizio pubblico efficace.

La Commissione ritiene che nell’attuale legislazione settoriale la direzione strategica e la vigilanza delle imprese parastatali siano disciplinate in modo lacunoso. Riemerge per esempio regolarmente la questione su come le imprese debbano comportarsi qualora sorga un conflitto tra obiettivi quali il perseguimento del profitto e il mandato di servizio universale e su quali compiti debbano assumersi al di fuori del servizio pubblico. Una nuova legge coprirebbe, tra l’altro, in modo trasversale i principi del governo d’impresa, l’influenza politica nonché la gestione, la trasparenza, la rendicontazione e l’alta vigilanza.

Dopo che ciascuna delle due Camere aveva deliberato in merito alla modifica della legge sul contrassegno stradale (19.045), la Commissione si è occupata delle divergenze rimanenti. Nella sessione autunnale il Consiglio nazionale aveva deciso di consentire che i controlli dei contrassegni elettronici venissero effettuati esclusivamente a campione utilizzando apparecchiature mobili. La maggioranza della CTT-S propone ora, quale compromesso, la possibilità di impiegare sia impianti sia apparecchiature mobili per effettuare controlli automatizzati. Per quanto riguarda un’altra divergenza, la Commissione si allinea a quando deciso dal Consiglio nazionale e propone con 8 voti contro 5 che l’Amministrazione federale delle dogane continui a rilasciare il contrassegno adesivo non soltanto nelle zone di frontiera, ma anche all’estero.

La Commissione ha deliberato inoltre su una modifica della legge federale sulla navigazione aerea (20.054) che chiede di adeguare il Protocollo del 4 aprile 2014 emendativo della Convenzione concernente le infrazioni e taluni altri atti commessi a bordo di aeromobili (Convenzione di Tokyo) in modo che i passeggeri indisciplinati che causano inconvenienti a bordo possano essere più facilmente chiamati a rispondere del proprio operato. Dopo che il Consiglio nazionale aveva già approvato il progetto durante la sessione autunnale, la CTT-S propone all’unanimità anche alla propria Camera di accoglierlo.

Con 8 voti contro 3 e 2 astensioni la CTT propone inoltre di accogliere la mozione della sua omologa. Escludere l’aeromodellismo dal regolamento UE sui droni (20.3916). La maggioranza ritiene in particolare che le norme dell’UE, molto estese, siano di natura puramente amministrativa e non aumentino la sicurezza. È inoltre infastidita dal fatto che il regolamento UE non permette di distinguere tra droni e aeromodelli. Una minoranza è contraria alla mozione essendo del parere che le ulteriori prescrizioni minime siano ragionevolmente esigibili perché consentono, in cambio, di aumentare la sicurezza in relazione ai droni e assicurano all’industria svizzera dei droni di accedere all’importante mercato interno dell’UE.

Con 11 voti contro 0 e 2 astensioni la Commissione propone di respingere la mozione del Consiglio nazionale (CIP-N). Base legale che consente all’esercente dell’aeroporto di trattare e comunicare dati personali (19.3965). La maggioranza ritiene che non sia necessario estendere l’autorizzazione degli esercenti di aeroporti di trattare i dati per adempiere i loro compiti legali. Rileva inoltre che le competenze degli esercenti di aeroporti saranno già estese mediante la legge federale sulle misure di polizia per la lotta al terrorismo, che entrerà in vigore presumibilmente nel 2021.

La Commissione ha trattato inoltre la mozione 20.3915 del Consiglio nazionale (CTT-N). Aumento della velocità minima di accesso a Internet a 80 megabit al secondo nel servizio universale. Con 8 voti contro 5 propone di accoglierla. Sottolinea in particolare che un servizio universale capillare che consente l’accesso a Internet a banda larga non va trascurato proprio per garantire l’attrattiva della piazza economica della periferia rispetto ai centri.

La Commissione propone inoltre all’unanimità di accogliere la mozione 20.3080 del Consiglio nazionale (Nantermod). Bici elettrica. Adeguare la legislazione all’uso turistico. La Commissione reputa fondamentale il ruolo sempre più importante che la bici elettrica assume in ambito turistico. Occorre consentire anche ai giovani sotto i 14 anni di utilizzare la bici elettrica.

Dopo che nella sessione autunnale il Consiglio degli Stati aveva rinviato alla Commissione la mozione 17.3702 del Consiglio nazionale (Grüter). I costi effettivi delle misure di protezione acustica a causa di due decisioni del Tribunale federale, la CTT-S si è chinata nuovamente sull’intervento parlamentare. La Commissione è del parere che nelle sue decisioni il Tribunale federale avvalori il ricorso a prezzi indicativi unitari e sostenga quindi la pratica attuale. Secondo la CTT-S continuano dunque a prevalere le preoccupazioni circa la fattibilità e la proporzionalità dell’intervento e propone, in linea con le Città e i Cantoni, di respingere nuovamente la mozione.

La CTT propone infine alla sua Camera con 7 voti contro 5 e 1 astensione di dare seguito all’iniziativa parlamentare (Lombardi) Rieder. I media nella Costituzione federale (18.473). La Commissione continua a ritenere che occorra estendere il margine di manovra della Confederazione nel settore della promozione dei media.