Chi ha seguito da vicino le innumerevoli tappe del progetto porto ha il sentore che la partenza del Sindaco, il quale non si ricandiderà per un altro mandato alle votazioni del prossimo aprile, possa essere un ulteriore segnale sullo stato del progetto porto. Sappiamo che la votazione che per 43 voti di differenza ha accolto il superamento del credito aggiuntivo di quasi 5 mio non ha risolto alcuna delle criticità presenti in questo progetto.

Criticità rappresentate da una società porto finanziata dai comuni che ha operato per quasi due decenni con mezzi pubblici. Società che ha messo nelle mani del Comune un primo progetto da 14 MIO CHF poi dimostratosi estremamente lacunoso. Lo stesso team ha poi chiesto altri 4,8 MIO CHF per dare il lavoro a ditte Svizzere. Lo stesso team ora è ancora all’opera con tutte le precedenti criticità compresa quella che la direzione di questo team non ha mai costruito un porto. Ultimamente poi girano insistentemente voci, ma lo si è potuto notare regolarmente, che siano stati necessari ulteriori misurazioni per stabilire effettivamente la situazione possibilmente reale del fondale. Fondale più profondo del previsto, il che rappresenterebbe ulteriori oneri a carico dell’ente pubblico.

Alla luce di questa situazione chiedo al lodevole Municipio se nel rispetto di coloro che dovranno riprendere la matassa da aprile 2020 non sia il caso di sospendere il progetto porto e lasciare loro il ruolo di fare chiarezza su cosa si sta andando in contro?    

PER GAMBAROGNO

Cleto Ferrari

Pubblicità