SPONSOR UFFICIALE ANNO 2020 E ANNO 2021

Il 10 giugno si è tenuto il Comitato Cantonale del Partito Socialista in versione digitale. Due i temi trattati dalla copresidenza nel loro discorso inaugurale: da un lato la forte condanna per lo sgombero e la demolizione dell’ex macello e dell’altro la grande delusione per la decisione del Consiglio Nazionale sulla riforma AVS-21. I delegati al Comitato Cantonale hanno anche dato le raccomandazioni di voto per le votazioni del 26 settembre 2021.


Il Comitato Cantonale del PS Ticino si è svolto questa sera 10 giugno in diretta zoom.
Numerosi gli ospiti che hanno partecipato alla serata, principalmente dedicata alle raccomandazioni di voto per le votazioni del 26 settembre.

Nel loro discorso inaugurale la copresidenza del PS Ticino, Laura Riget e Fabrizio Sirica, hanno condannato l’operato della maggioranza del Municipio di Lugano ed espresso la loro solidarietà alla municipale PS Cristina Zanini. Lo sgombero e la demolizione dell’ex macello sono state delle azioni sproporzionate e compiute nell’illegalità. Ora il Municipio di Lugano deve trovare una soluzione a questa situazione per dare giusto spazio alla cultura alternativa. Il secondo tema trattato nel discorso inaugurale si è incentrato sulla scandalosa decisione del Consiglio Nazionale di innalzare l’età di pensionamento delle donne a 65 anni. Una riforma che il PS combatterà con fermezza, se necessario anche lanciando il referendum: il risanamento dell’AVS non deve essere fatto a scapito delle donne.

Marina Carobbio Guscetti e Graziano Pestoni nella loro relazione hanno presentato il documento “EOC: il ruolo fondamentale della sanità Ticinese” elaborato da vari esperti. Il documento vuole essere uno spunto di riflessione per le istituzioni competenti, in vista dell’elaborazione e varo della nuova Pianificazione Ospedaliera Cantonale (POC) con delle proposte all’EOC e a livello politico.

Il resto della serata è stato dedicato ai temi in votazione il 26 settembre: 2 temi federali e 3 cantonali:

Il primo tema federale presentato è stato quello sull’iniziativa 99% lanciata dalla GISO “Sgravare i salari, tassare equamente il capitale”. Yannick Demaria ha spiegato durante la serata come la proposta di modifica costituzionale chiede un aumento dell’imposizione fiscale per i più ricchi in modo da sgravare i piccoli e medi redditi, ossia il 99% della popolazione. L’iniziativa bocciata alle camere federali la scorsa primavera torna ora al popolo. Il Comitato Cantonale raccomanda di votare sì.

Anche la modifica del Codice Civile Svizzero che prevede il matrimonio per tutt*, presentata da Mattea David, e che garantisce una migliore protezione delle famiglie arcobaleno è stata accettata dal Comitato Cantonale.

Carlo Lepori ha ricordato come lo scorso febbraio il Gran Consiglio abbia raccomandato di respingere l’iniziativa popolare “NO alle pigioni abusive, SÌ alla trasparenza: per l’introduzione del formulario ufficiale a inizio locazione”. Questo formulario permette di conoscere la pigione dell’inquilino precedente ed è un passo verso degli affitti più equi. Il Comitato Cantonale raccomanda pertanto di votare sì.

Al contrario il Comitato Cantonale raccomanda di votare no all’iniziativa sul referendum finanziario obbligatorio. Come ha spiegato ancora Carlo Lepori accettando il referendum la popolazione ticinese sarebbe chiamata a votare per crediti superiori ai 20 milioni di franchi oppure una spesa annua di 5 milioni di franchi per almeno quattro anni. Un’assurdità che inoltre metterebbe in pericolo gli interventi pubblici. Il Comitato Cantonale raccomanda per tanto di votare no all’iniziativa e no al controprogetto. Nel caso passasse il doppio sì, il Comitato Cantonale sostiene il controprogetto.

No anche all’iniziativa “Le vittime di aggressioni non devono pagare i costi di una legittima difesa”, che nonostante il suo titolo creerebbe una disparità di trattamento di chi è processato e assolto, e non godrebbe più di nessuna indennità. Il sistema attuale copre infatti le spese in caso di assoluzione di proscioglimento.

Per riassumere il Comitato Cantonale del Partito Socialista Ticino fa le seguenti raccomandazioni di voto:

  • Sì all’ Iniziativa 99%, “Sgravare i salari, tassare equamente il capitale”
  • Sì a “Matrimonio per tutt*. Modifica del 18 dicembre 2020 del Codice Civile Svizzero”
  • Sì all’introduzione del Formulario ufficiale locazione
  • No all’Iniziativa referendum finanziario obbligatorio
  • No al Controprogetto
  • Se passa il doppio sì: sostegno al controprogetto nella domanda sussidiaria
  • No all’Iniziativa popolare del 22 marzo 2016 “Le vittime di aggressioni non devono pagare i costi di una legittima difesa”

Per il Comitato Cantonale
Mattea David e Corinne Sala, copresidenza Comitato Cantonale