FrenchGermanItalian

Non firmate l’accordo fiscale se…

- Google NEWS -

Firmare l’Accordo sulla fiscalità dei frontalieri solo quando l’Italia avrà concesso agli operatori svizzeri la possibilità di prestare servizi transfrontalieri in campo finanziario.

Richiesta: Il Consiglio federale è incaricato di rivedere la strategia dei negoziati bilaterali con l’Italia sulla fiscalità dei frontalieri e sull’accesso al mercato dei servizi finanziari. Si chiede che l’accordo sulla fiscalità dei frontalieri non venga per il momento firmato e che si firmi solo quando l’Italia avrà concesso agli operatori svizzeri la possibilità di prestare servizi in campo finanziario.
Argomentazione: Nella Roadmap CH-I del 2015 emerge la volontà di passare da un regime fiscale alla fonte e ristorno al Paese di residenza, a un’imposizione sia nel Paese di impiego che di residenza dei frontalieri. Per il Ticino l’interesse risiedeva nell’aumento dell’onere a carico dei frontalieri per rendere meno attrattiva l’assunzione di impieghi poco remunerati in Svizzera.

Finanziariamente l’interesse è maggiore per l’Italia che incasserebbe 300-600 mio. CHF/anno supplementari a confronto dei stimati 15 mio. di maggiori entrate per il Ticino. Ora con la prossima introduzione del salario minimo in Ticino la possibilità per i frontalieri di attuare una concorrenza sleale sui salari verrà a cadere e con ciò anche l’interesse del Ticino per il nuovo accordo. La conclusione di un accordo sulla fiscalità dei frontalieri è dunque ora nell’interesse dell’Italia e rappresenta una moneta di scambio per la Svizzera. Sempre nella Roadmap le parti si sono date atto della disponibilità al dialogo per una collaborazione in materia di servizi finanziari transfrontalieri. L’Italia ha però adottato un Decreto legislativo -in applicazione della direttiva UE MiFID II- che esclude la possibilità di libera prestazione di servizi finanziari, esigendo per tutti gli intermediari extra UE l’obbligo di una succursale in Italia, malgrado MiFID II lasci la possibilità di non prevederlo. Avendo scelto l’alternativa della succursale, l’Italia non ha sfruttato il margine di manovra a disposizione e non ha rispettato la Roadmap. Considerato lo scemato interesse per il Ticino per un nuovo regime fiscale per i frontalieri e gli ostacoli che l’Italia ha introdotto per i servizi finanziari, la Svizzera dovrebbe ora trattare i due temi in modo congiunto. Tenuto conto del chiaro vantaggio finanziario che l’Italia trarrebbe da un nuovo accordo sui frontalieri, la Svizzera deve condizionare la sua firma all’apertura del mercato italiano ai servizi finanziari svizzeri, così come previsto dallo spirito della Roadmap.

Cordiali saluti
Marco Romano

- Pubblicità -

Le imprese ti attendono

Emma Design – Ristrutturazioni alla portata di tutti

In molte famiglie l’idea di ristrutturare un’intera casa o anche grandi ambienti, è impensabile....

Sergio Cereghetti Lugano e i vostri problemi con l’acqua lasciateli a me

Quando pensiamo a un idraulico, abbiamo sempre in mente l’immagine dell’uomo che arriva e...

8Hz dove lavoro e famiglia collaborano

Il coworking rappresenta una nuova filosofia di lavoro, una soluzione flessibile, moderna e conveniente...