Home OPINIONI Quello che Paolo Beltraminelli non ci dice sul sangue!

Quello che Paolo Beltraminelli non ci dice sul sangue!

Ringrazio il post il post di Paolo Beltraminelli – datato 26 marzo – in cui lo si vede sdraiato su di un lettino intendo a sottoporsi ad una trasfusione, il tutto accompagnato da una didascalia intrisa di retorica a basso costo, che riprendo fedelmente:

“in questa campagna sto dando tutto… Anche il sangue (ma è la cinquantesima volta)! Donare il sangue… Salvare vite, fatelo anche voi. Buona giornata”.

Con tutto il rispetto che si deve ad un ministro del nostro bel Ticino, questo è un messaggio vuoto privo di alcuna rilevanza comunicativa. Cosa vogliono sapere i cittadini?

1) Chi può donare il sangue?
2) Quando può donare il sangue?
3) Dove può donare il sangue?
4) Perché deve donare il sangue?

Sappiamo tutti che donare il sangue è importante (non ce lo deve mica dire un uscente ministro, esiste anche un apposito sito dove sono indicati i periodi e quali gruppi sanguigni sono in carenza di riserve). Alcuni hanno paura dell’ago e sono timorosi e altri semplicemente non rispettano i criteri minimi per farlo che possono essere così riassunti (mi riferisco alla pagina sei dell’opuscolo “Donare il sangue: domande e risposte”).

“Possono donare il sangue tutte le persone sane che hanno compiuto 18 anni e pesano più di 50 kg. Per la prima donazione di sangue l’età massima è di 60 anni. I donatori regolari in buona salute possono donare il sangue fino ai 75 anni di età”.

Ora voi direte: tutto bene e invece no. A pagina otto sono elencate 10 restrizioni e ce ne è una che taglia le gambe. Ossia nessuna trasfusione di sangue dal 1980. Il motivo detto molto” terre a terre” è la Mucca pazza. Vi ricordate questa malattia che era un must dei telegiornali degli anni 90 e primi 2000?
In Svizzera non c’è mai stato alcun caso eppure CRS Svizzera ha dovuto introdurre questa esclusione preventiva.

Ora ho discusso con una persona del settore attiva in uno di questi centri e mi ha riferito in chiaro e tondo che la misura è esagerata. Il rischio è infinitesimale. Ma sapete quante persone non possono donare e vorrebbero perché hanno avuto una trasfusione? La competenza è Federale  ma il problema di ripercuote anche sul Ticino. Non si potrebbe togliere questo criterio?

Però questo Paolo Beltraminelli non ce lo ha detto.

Alessandro “Bubi” Berta (Gordevio), candidato Udc per il Gran Consiglio (Lista 16, numero 60)