Pubblicità

La Commissione degli affari giuridici del Consiglio degli Stati intende sanzionare più duramente, nell’ambito della trattazione del disegno concernente l’armonizzazione delle pene (18.043), le persone che nel corso di disordini partecipano ad azioni violente. Allineandosi al Consiglio federale, propone di quadruplicare l’attuale pena minima (120 al posto di 30 aliquote giornaliere).

Dopo aver deciso nella sua ultima seduta di scorporare dal disegno concernente l’armonizzazione delle pene le disposizioni del diritto penale per reati a sfondo sessuale, la Commissione ha ora concluso i lavori sul disegno centrale concernente l’armonizzazione delle pene. Il principio a cui si è ispirata nella trattazione è che la revisione doveva conformarsi alla struttura di base del Codice penale svizzero. A differenza di codici penali di altri Stati, in quello svizzero i reati sono formulati in modo piuttosto generico e il ventaglio delle pene comminate è di conseguenza piuttosto vasto. I tribunali dispongono pertanto di un ampio margine di apprezzamento che consente loro di sanzionare di volta in volta, in modo adeguato alla colpa, i casi molto lievi, ma anche quelli particolarmente gravi. La Commissione si è attenuta a questo sistema. Condivide il parere del Consiglio federale sull’opportunità di intervenire con aumenti mirati delle pene. In particolare, una lesione personale grave (art. 122 CP) dovrà in futuro essere sanzionata con una pena detentiva minima di un anno (finora sei mesi). La Commissione ritiene che sia necessario inoltre un inasprimento delle pene per i reati di violenza o minaccia contro le autorità e i funzionari commessi nel corso di disordini (art. 285 cpv. 2 CP). Con 7 voti contro 5 segue la proposta del Consiglio federale di aumentare la pena minima a 120 aliquote giornaliere se nel corso di disordini si commette violenza contro persone e cose. Una minoranza propone che in futuro, nel caso di delitti secondo l’articolo 285 CP, si debba sostanzialmente presupporre un caso grave da punire con una pena detentiva fino a tre anni e soltanto in casi lievi con una pena pecuniaria. In taluni casi la pena pecuniaria va esclusa del tutto. La Commissione ha accolto il disegno all’unanimità nella votazione sul complesso. Esso sarà esaminato dal Consiglio degli Stati nella sessione primaverile. La Commissione ha inoltre adottato un postulato (20.3009) che incarica il Consiglio federale di verificare le norme per la commisurazione della pena unica.

Pubblicità