Le sanzioni penali della legge federale sulla circolazione delle specie di fauna e di flora protette (LF-CITES) saranno inasprite. In futuro, i casi gravi di commercio illegale di specie animali e vegetali protette dovranno essere considerati crimini. Il 14 agosto 2019 il Consiglio federale ha avviato la procedura di consultazione che durerà sino alla metà di novembre 2019.

La LF-CITES applica la Convenzione sul commercio internazionale delle specie di fauna e di flora selvatiche minacciate di estinzione (CITES). Con la sua revisione, il Consiglio federale intende inasprire le disposizioni penali. In futuro, i casi gravi di commercio illegale di specie animali e vegetali protette dovranno essere considerati crimini. È il caso, ad esempio, in cui gli autori del reato agiscono a fini commerciali o in una banda, oppure quando è coinvolto un gran numero di esemplari protetti. Inoltre, il reato di base non costituirà più una violazione, ma sarà considerato un crimine. Con questi inasprimenti si intende rafforzare la protezione degli animali e delle piante oggetto della convenzione CITES.

Obblighi di informazione nella vendita e ulteriore rafforzamento dell’esecuzione

Verrà inoltre introdotto un obbligo di informazione nella vendita: le persone che offrono pubblicamente esemplari di specie protette non possono più rimanere anonime e devono inoltre fornire informazioni sugli esemplari che offrono. Le modifiche proposte prevedono anche la possibilità di divieti di importazione temporanea. Ciò vale per quelle specie animali e vegetali che possono essere confuse con gli esemplari CITES e che sono protette a livello nazionale in un altro Paese perché chiaramente a rischio estinzione. In questo modo, il Consiglio federale vuole impedire che tali esemplari provenienti da un altro Paese possano entrare nel commercio internazionale attraverso la Svizzera.

Le modifiche in programma si basano sulla mozione Barazzone (15.3958) “Inasprire le sanzioni penali contro il commercio illegale di specie minacciate”. Esse non hanno ripercussioni finanziarie e sul personale per Confederazione, Cantoni e Comuni. Le modifiche proposte sono compatibili con gli obblighi assunti dalla Svizzera sul piano internazionale.

Dal 1975 la Svizzera è Stato contraente

Dal 1975 la Svizzera è Stato contraente della Convenzione CITES. Quest’ultima contiene tre allegati con animali e piante di specie protette interessate dal commercio internazionale, suddivisi in tre categorie: specie minacciate di estinzione, specie che potrebbero essere minacciate e specie protette da singole parti contraenti.

Pubblicità