Chiunque desideri una strategia di protezione del clima coerente e voglia sviluppare gli accordi bilaterali, può votare solo per i Verdi liberali”, ha affermato il Presidente del partito Jürg Grossen davanti ai delegati a Wangen an der Aare (BE). I recenti successi elettorali dimostrano che la popolazione apprezza le nostre posizioni chiare e il lavoro, costante e coerente, che svolgiamo nei cantoni e nei comuni”, ha proseguito Grossen. L’Assemblea dei delegati si è concentrata sulle parole d’ordine in vista delle votazioni popolari del prossimo 19 maggio. I Verdi liberali sostengono con convinzione il SÌ allo sviluppo di Schengen (modifica della direttiva UE sulle armi) e NO al pacchetto di riforma fiscale e al finanziamento dell’AVS (RFFA).

“Schengen è una storia di successo: rafforza la nostra sicurezza, ci dà la libertà di viaggiare in tutta Europa ed è importante per la piazza economica svizzera”, ha dichiarato il Consigliere nazionale Beat Flach. La modifica della direttiva UE sulle armi è molto pragmatica e l’UE ha tenuto in debita considerazione le esigenze della Svizzera. Con 116 voti favorevoli, 2 contrari e un’astensione, i Verdi liberali hanno perciò deciso di votare SÌ allo sviluppo di Schengen.

NO a un accordo antidemocratico a spese dei giovani

L’abolizione dei privilegi fiscali per le società holding è fuori discussione. I Verdi liberali hanno perciò sostenuto un disegno di legge fiscale, che consentirà alla Svizzera di restare competitiva a livello internazionale come centro economico e di ricerca. Questo dev’essere spiegato alla popolazione attraverso con un progetto indipendente e coerente, che non sia collegato a tematiche estranee alla materia. “L’accordo sull’AVS mette a dura prova il contratto intergenerazionale, poiché rinvia le vere riforme pensionistiche a spese dei giovani. Viola inoltre l’unità della materia”, ha ribadito la vicepresidente dei Verdi liberali, Kathrin Bertschy. Con 94 contro 27 voti e 7 astensioni, i delegati hanno pertanto deciso per il “NO” al pacchetto di riforma fiscale e al finanziamento dell’AVS (RFFA).